Rai, Usigrai-cdr Rai Sport: Champions andava blindata. Investire su diritti sportivi

“Sulla Champions è in corso un balletto sulla pelle della Rai, ma soprattutto dei lavoratori. L’opzione prevista dal contratto è valida oppure no? A deciderlo devono essere i giudici. Speriamo che avvenga presto”. E’ la riflessione dell’Usigrai e del cdr di Rai Sport, dopo che Mediaset ha annunciato un accordo biennale con Sky che permetterà alle reti del Biscione di trasmettere in chiaro la miglior partita del mercoledì, nonostante l’opzione esercitata dalla tv pubblica, che aveva già intrapreso le vie legali per vederne riconosciuta la validità.

“Ovviamente noi ci auguriamo che abbia ragione la Rai. Quindi ogni fuga in avanti oggi rischia di creare ulteriori danni. Quindi bene ha fatto la Rai a diffidare i concorrenti. Certo è che già alla passata governance dicemmo che quella opzione andava blindata. Soprattutto visto che si arrivava a comprare i diritti della Champions dopo aver perso il Mondiale”, si legge ancora nella nota.

Il trofeo della Champions League (Foto Ansa – EPA/SALVATORE DI NOLFI)

“La Rai ha bisogno di maggiore aggressività e lungimiranza da parte della Direzione Acquisti Diritti Sportivi. Perché certo non si possono perdere eventi per pochi milioni di euro. In questo caso si parla di meno di 5”, aggiungono Usigrai e cdr, riferendosi alla cifra che avrebbe sborsato Mediaset, di poco superiore a quella spesa dalla Rai (40 milioni).

“Anche perché è assurdo sostenere che si possa sostituire la Champions con una fiction. Una assurdità da ogni punto di vista. E nessuno tiri fuori presunte questioni di bilancio. Perché è ovvio che se non si spende i conti migliorano. Ma se non si investe si sperpera un patrimonio e si paga un conto salatissimo in termini di immagine.

“Le serate di Champions su Rai1 sono state un grande successo e un patrimonio dell’azienda, come testimoniato dagli ottimi ascolti”, chiosano sindacato e giornalisti. “Del resto, continuano, investire sui diritti sportivi è senza dubbio più redditizio che continuare a contrattualizzare esterni e subire le condizioni imposte dallo strapotere degli agenti”.
Ci aspettiamo che di questi temi se ne faccia carico il cda. E ci aspettiamo che gli stessi temi vengano posti dal direttore di Rai Sport, che troviamo incomprensibilmente silenzioso e poco incisivo su scelte aziendali che spengono la testata che dirige”, conclude la nota.

La risposta del direttore di Rai Sport, Auro Bulbarelli – “Il direttore di Rai Sport, assieme alla testata tutta, ha sperato sino all’ultimo – e continuerà a farlo fintanto che non verrà esaminato il ricorso – di poter offrire la Champions ai propri telespettatori”. A dirlo è Auro Bulbarelli, responsabile della testata, chiamato in causa da Usigrai e cdr che hanno sottolineato la necessità di “maggiore aggressività e lungimiranza” sul fronte dei diritti sportivi.

“Nel mio ruolo, afferma Bulbarelli in una nota, sarebbe stato perfettamente inutile alzare la voce o prendere posizioni diverse da quelle, corrette, già imboccate dall’azienda. Ho letto con attenzione le clausole del contratto e chi ha cambiato le carte in tavola è stata Sky, non certo la Rai. Il nodo cruciale era decidere se esercitare o meno l’opzione per il secondo anno, cosa risoltasi nel mese di gennaio col voto favorevole del Cda. Il resto è stato un evidente tentativo da parte di Sky di fare ulteriore cassa rispetto a quanto pattuito. Nel caso i giudici ci dessero ragione, come Rai Sport ci faremo trovare pronti per raccontare al meglio l’evento”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Mise: chi si insedierà negli uffici di Largo Brazzà? Apertissima la partita per la delega alle tlc

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino,  devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino, devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile