Big data, da Antitrust, Agcom e Garante Privacy 11 azioni a tutela di consumatore e concorrenza

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e il Garante per la Protezione dei Dati Personali hanno pubblicato le ‘Linee guida e raccomandazioni di policy’ per i Big Data. Il documento, frutto dell’indagine conoscitiva delle tre Autorità con l’obiettivo di comprendere le implicazioni dello sviluppo di un’economia digitale fondata sulla raccolta e analisi di una mole sempre più ingente di dati indica 11 azioni prioritarie a tutela della concorrenza e dei consumatori.

CC0 Creative Commons (Pixabay License)

Leggi appropriate, cooperazione internazionale, una maggiore consapevolezza degli utenti, rispetto della concorrenza e controlli anticoncentrazione: sono gli assi principali sui quali si articolano le raccomandazioni individuate da Antitrust, Agcom, Privacy nel loro documento congiunto.

Eccole in sintesi:
– 1: Governo e Parlamento si interroghino sulla necessità di promuovere un appropriato quadro normativo che affronti la questione della piena ed effettiva trasparenza nell’uso delle informazioni personali.
– 2: Rafforzare la cooperazione internazionale sul disegno di policy per il governo dei Big Data.
– 3: Promuovere una policy unica e trasparente circa l’estrazione, l’accessibilità e l’utilizzo dei dati pubblici al fine della determinazione di politiche pubbliche a vantaggio di imprese e cittadini.
– 4: Ridurre le asimmetrie informative tra utenti e operatori digitali, nella fase di raccolta dei dati, nonché tra le grandi piattaforme digitali e gli altri operatori che di tali piattaforme si avvalgono.
– 5: Prima delle operazioni di trattamento dei dati, identificare la loro natura e proprietà e valutare la possibilità d’identificazione della persona a partire da dati ‘anonimizzati’.
– 6: Introdurre nuovi strumenti per la promozione del pluralismo on-line, la trasparenza nella selezione dei contenuti nonché la consapevolezza degli utenti circa i contenuti e le informazioni ricevute on-line.
– 7: Perseguire l’obiettivo di tutela del benessere del consumatore con l’ausilio degli strumenti propri del diritto antitrust.
– 8: Riformare il controllo delle operazioni di concentrazioni al fine di aumentare l’efficacia dell’intervento delle autorità di concorrenza.
– 9: Agevolare la portabilità e la mobilità di dati tra diverse piattaforme, tramite l’adozione di standard aperti e interoperabili
– 10: Rafforzare i poteri di acquisizione delle informazioni da parte di AGCM ed AGCom al di fuori dei procedimenti istruttori e aumento del massimo edittale per le sanzioni.
– 11: Istituzione di un “coordinamento permanente” tra le tre Autorità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

È rischio epidemia di fake news a causa di un software di AI in grado di ricreare i discorsi dei politici di tutto il mondo

È rischio epidemia di fake news a causa di un software di AI in grado di ricreare i discorsi dei politici di tutto il mondo

SportItalia fa il botto: ascolti record per Juventus-Tottenham

SportItalia fa il botto: ascolti record per Juventus-Tottenham

Fcp: Massimo Martellini confermato presidente per il prossimo biennio

Fcp: Massimo Martellini confermato presidente per il prossimo biennio