Discovery svela i palinsesti: arrivano Bignardi, Petrini e Travaglio. Araimo: vogliamo crescere ancora

Alla fine di una tre giorni in cui tutti i player del comparto hanno raccontato al mercato cosa faranno nella prossima stagione tv, è arrivato l’appuntamento milanese con la presentazione della programmazione autunnale dei canali del Gruppo Discovery.“Siamo sempre il terzo soggetto per audience”, ha sottolineato in apertura di evento l’amministratore delegato del gruppo, Alessandro Araimo, sciorinando dati che raccontano di un buon primo semestre e, soprattutto, di un ottimo secondo trimestre dell’anno. Con due dei canali chiave del portfolio, in particolare, Nove e Real Time in ottima salute. “Discovery ottiene il 7% di share sul target individui, in saldo positivo del 7% rispetto al 2018 e – ha sottolineato Araimo – se si considera il target commerciale 25-54 arriviamo al 9% di share. Dati di crescita ancora più significativi in un mercato in cui se noi guadagniamo ‘teste’, quasi tutti gli altri player perdono spettatori. In prime time, in particolare, la share del nostro portfolio – ha detto il manager – cresce del 12% sugli individui”.

Nella foto, da sinistra: Giuliano Cipriani, Laura Carafoli e Alessandro Araimo

A trainare il risultato sono le prestazioni di Nove e Real Time: in prima serata il canale generalista – stabilmente 9° canale nazionale – cresce del +12%, mentre Real Time del +27%. Una crescita organica che è comunque accompagnata dalle performance positive di Giallo (+28% nelle 24 ore), di Food Network (+12% nelle 24 ore) e dei canali Kids K2 e Frisbee (+19%, dato più alto fra tutti gli editori per bambini).

“Stiamo crescendo da sei anni, abbiamo fatto il miglior semestre di sempre, ma vogliamo accelerare ancora”, ha continuato l’ad, ipotizzando di qui ai prossimi mesi anche partnership, acquisizioni e altre azioni sul mercato in grado di spingere lo sviluppo. In ballo, tra le cose da finalizzare, Araimo ha anche l’eventuale accordo per trasmettere su Eurosport, visibili anche agli abbonati Sky, i prossimo Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Che comunque saranno un asset formidabile per implementare la forza del gruppo in ambito player digitali a pagamento. “Abbiamo già alcune centinaia di migliaia di sottoscrittori”, ha osservato Araimo, specificando come invece siano oltre due milioni gli utenti unici mese del player free Dplay. Il digitale sarà una risorsa importante dei prossimi mesi, ma molto dipenderà anche da come andrà l’economia e da come si comporteranno gli spender.

“Speriamo e contiamo sul fatto che il mercato della pubblicità ci dia una mano, pur essendo consapevoli che in questi primi sei mesi dell’anno le cose sono state complicate e difficili per quasi tutti i principali attori”, ha aggiunto Araimo passando il testimone al capo della concessionaria Discovery Media, Giuliano Cipriani.

Il manager ha rimarcato che comunque la raccolta di Discovery Media è andata meglio della media del mercato. “Ma abbiamo sofferto anche noi” ha raccontato Cipriani, spiegando che a giugno c’è stata però una positiva inversione di tendenza e anche a luglio le cose stanno andando bene. “Non riesco a fare previsioni su come chiuderemo il 2019 – ha aggiunto il manager – ma rimango moderatamente ottimista su un andamento del secondo semestre non negativo”. Il capo della concessionaria conta sui buoni risultati di ascolto dei canali del gruppo, sulla forza dei palinsesti autunnali, sui target qualificati e sul rapporto identitario che lega il pubblico ai brand Discovery. “Un’offerta qualificata, la nostra, che non viene però premiata ancora per quanto meriterebbe”.

Dopo Araimo e Cipriani, il testimone è passato alla svp chief content officer se Laura Carafoli, ma anche – introdotti dalla manager novarese – al direttore di Real Time, Gesualdo Guercio e al direttore di Nove, Aldo Romersa. Insieme hanno raccontato le cose più peculiari e nuove dei due canali su cui più si è focalizzata la presentazione dei palinsesti autunnali di Discovery Italia.

Laura Carafoli con Daria Bignardi

La novità più interessante è l’approdo su Nove di Daria Bignardi con un nuovo programma d’interviste, ‘L’Assedio’. A metà evento è arrivata Daria Bignardi a raccontare con la Carafoli la scelta d’iniziare a lavorare per Nove, con la propria solita squadra di autori ed una totale garanzia di autonomia. “Mi hanno dato subito carta bianca” ha sottolineato Bignardi. Che ha rimarcato: “Mi sento di nuovo a casa, abbiamo lo stesso modo di lavorare, con passione e divertimento…”. Da ottobre sarà in onda anche ‘Il Supplente’, un format che nella passata stagione aveva fatto molto bene su Rai2. Nel prossimo autunno Maurizio Crozza sarà ancora uno dei caposaldi della rete a vocazione più generalista di Discovery Italia che invece, lato approfondimento, potrà sempre contare sui prodotti della consolidata collaborazione con Loft (braccio produttivo televisivo de Il Fatto Quotidiano). Saranno on air la nuova edizione di ‘Accordi e Disacccordi’ che accoglie in squadra con Andrea Scanzi e Luca Sommi anche Marco Travaglio, ma anche ‘La Confessione’ di Peter Gomez, mentre è una novità l’impegno di Valentina Petrini con ‘Fake-La fabbrica delle notizie’. Compone il bouquet dell’offerta pensata per raccontare la realtà anche un assortito pacchetto di docufilm: ‘Enjoy’, su droga, sesso e lusso, a cura di Peter Gomez; e poi anche ‘Pietro Maso’ (sul criminale reo confesso tornato in libertà), ‘Emanuela Orlandi’, la vicenda di Marco Vannini raccontata in ‘Un covo di vipere’, e quindi ‘I Casamonica’ (a cura di Nello Trocchia), ‘Umberto B.’ (su Bossi, vate della Lega Nord), e poi ‘Silvio Forever’ (di Roberto Faenza), e un prodotto su Bettino Craxi.

Nell’esteso portafoglio di titoli dedicati ai fenomeni criminali anche ‘Il Giorno del giudizio 2’ (firmato Catello Maresca) e ‘Italian Mafias’ di David Beriain.

Altra novità di Nove, in access, il nuovo programma affidato a Gabriele Corsi (‘Stai al gioco’), mentre la chicca della rete potrebbero essere i viaggi in giro per il mondo di Chef Rubio ‘Alla ricerca del cibo perduto’.

Laura Carafoli con Aldo Romersa

La novità più succosa del prossimo autunno di Real Time è invece l’approdo sul canale del docureality ‘Matrimonio a prima vista Italia’, ma molta curiosità la desta anche l’arrivo sul nostro territorio di ‘The Real Housewives Italia’, con Noemi Letizia (balzata agli onori della cronaca per la presenza inattesa di Silvio Berlusconi al suo primo matrimonio) tra le sei ricche signore napoletane scelte per raccontare un certo tipo di spaccato sociale.

Altro titolo forte destinato al canale femminile, ‘Abito da spose cercasi – Palermo’, con Enzo Miccio alla conduzione. Da registrare poi, sull’onda del successo di ‘Cortesie per gli ospiti’, il debutto dello spin off dedicato ai bed & breakfast con Michela Andreozzi, Lorenzo Bigiarelli e Max Viola nel cast. Mentre è sostanzialmente confermato il pacchetto di titoli ‘dolci’ della rete: ‘Bake off Italia’, ‘Junior Bake Off’, con la novità ulteriore ‘Bake Off Italia All Stars batlle’, affidata alla conduzione di Flavio Montrucchio, impegnato ancora anche in ‘Primo appuntamento’, titolo invece del filone di programmi di ‘servizio’ arricchito pure da ‘Il salone delle meraviglie’ e ‘Il castello delle cerimonie’.

Laura Carafoli con Gesualdo Vuercio

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

È rischio epidemia di fake news a causa di un software di AI in grado di ricreare i discorsi dei politici di tutto il mondo

È rischio epidemia di fake news a causa di un software di AI in grado di ricreare i discorsi dei politici di tutto il mondo

SportItalia fa il botto: ascolti record per Juventus-Tottenham

SportItalia fa il botto: ascolti record per Juventus-Tottenham

Fcp: Massimo Martellini confermato presidente per il prossimo biennio

Fcp: Massimo Martellini confermato presidente per il prossimo biennio