Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

I dati sulla total digital audience di maggio, diffusi il 16 luglio da Audiweb, vedono nelle prime dieci posizioni gli stessi brand del mese precedente, ma le loro posizioni sono notevolmente cambiate rispetto ad aprile.

L’unica certezza è il primato di Repubblica, che sfiora i 3 milioni di utenti unici nel giorno medio, (2 milioni 958mila per la precisione), il 10% in più del mese precedente. Il Corriere della Sera conquista la seconda posizione riducendo le distanze dal primo, grazie a una crescita più consistente (+16%). Ancora più forte (+27%) la crescita dell’audience organica della Gazzetta dello Sport, che scala due posizioni, superando TgCom24, stazionario rispetto ad aprile, ed Upday, nonostante l’app del gruppo Springer faccia segnare un aumento notevole (+14%). Il Messaggero si piazza al sesto posto superando Fanpage, questa volta in calo, anche se contenuto (-4%). Ottavo si conferma il Fatto Quotidinano (+15%); nona La Stampa (+10%) che sorpassa SkySportHd (+16%).

Come si vede, nelle prime dieci posizioni quasi tutti sono in crescita, e lo stesso vale anche per il resto della nostra classifica: 44 brand di informazione su 60 vedono aumentare il proprio traffico, 4 sono stazionari e solo 12 sono in calo. Situazione prevedibile, visto che maggio arriva dopo un mese di lunghe vacanze e ponti (Pasqua e 25 aprile) e che l’acceso dibattito politico seguito alle elezioni amministrative ed europee ha fatto crescere l’interesse per i siti di informazione praticamente per tutto il mese.

(elaborazione su dati Audiweb)

Le variazioni più eclatanti dipendono però, come al solito, da questioni contingenti di carattere tecnico. Vedi per esempio il +102% di TPI, che recupera le perdite registrate nei mesi precedenti per la riorganizzazione del sito che aveva fatto venir meno gran parte del traffico proveniente dai motori di ricerca. Anche il calo record (-75%) registrata da Termometro Politico si spiega con la riorganizzazione del sito, non ancora conclusa in maggio.
Altre variazioni dipendono dalla rilevazione di traffico prima non misurato, per esempio quello delle app; è il caso dei siti calcistici che fanno parte del network di TuttoMercatoWeb.com, che infatti vede crescere la propria audience del 24%.
Non sempre però l’interpretazione del dato è semplice e lineare. Formulapassion.it, per esempio, registra un calo del 32%, nonostante l’implementazione del tag per rilevare le Amp (Accelerated mobile pages) di Google.

Ricordiamo che la tabella comprende solo i brand rilevati da Audiweb e fornisce quindi una fotografia solo parziale del mercato (mancano, per esempio, Citynews, Quotidiano.net, Agi.it, Blogo, Finanzaonline, Hardware Upgrade, Nanopress). Come parziale è la classifica basata sulla rilevazione concorrente di Comscore, di cui non fanno parte i siti del Gruppo Gedi.

La nostra classifica inoltre non comprende tutti i siti editoriali, ma solo i giornali online, economici, sportivi, femminili, sui motori, le tecnologie e l’ambiente. Non abbiamo preso in considerazione altre categorie di siti, come quelli sul meteo, che rappresentano comunque fenomeni editoriali di grande rilievo. Basti pensare che IlMeteo.it in maggio ha totalizzato 4 milioni 225mila utenti unici, 1 milione 266mila in più di Repubblica e 18 milioni di pagine viste (8 milioni in più). Lo stesso vale per i siti sulla cucina, dove ci sono campioni di traffico come Giallozafferano, che ha 1 milione 207mila utenti unici, molto più di tanti quotidiani online.

Per segnalare novità e altre informazioni utili per la corretta interpretazione dei dati, scrivere a cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

La pubblicità digitale cresce in doppia cifra ad agosto (+12,1%). Fcp Assointernet: volano gli investimenti su smart tv

La pubblicità digitale cresce in doppia cifra ad agosto (+12,1%). Fcp Assointernet: volano gli investimenti su smart tv