Santa Sede: Matteo Bruni nuovo direttore della Sala stampa

Papa Francesco ha nominato Matteo Bruni direttore della Sala Stampa della Santa Sede, a far data dal 22 luglio 2019. Lo annuncia oggi il Bollettino della Sala stampa vaticana del 18 luglio, nel quale si segnala anche la nomina di Sergio Centofanti e Alessandro Gisotti a vice direttori della Direzione Editoriale del Dicastero per la Comunicazione.

Lo stemma nella Sala Stampa (Foto ANSA/CLAUDIO ONORATI)

Bruni, 42 anni, nato a Winchester (Gran Bretagna), subentra a Gisotti , che aveva assunto l’interim della direzione della Sala Stampa alla fine del 2018 dopo le dimissioni del direttore e del vice direttore, Greg Burke e Paloma García Ovejero.

Laureato in Lingue e letterature straniere moderne e contemporanee nell’Università La Sapienza di Roma,  Bruni, che parla inglese, spagnolo, francese, lavora dal luglio 2009 presso la Sala Stampa della Santa Sede, e dal 2013 ha la responsabilità dell’organizzazione e accompagnamento della stampa ammessa ai voli papali. all’inizio del 2016 è divenuto anche coordinatore del settore Media Operations e Accrediti della Sala Stampa della Santa Sede, coordinando la partecipazione della stampa ai diversi eventi del Giubileo della Misericordia.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti