Dati Audimovie: più di 4,6 milioni di biglietti staccati nei cinema a giugno. ‘Aladdin’ la pellicola più vista nel mese

Sono 4.670.144 i biglietti staccati nelle sale cinematografiche italiane nel mese di giugno, durante il sesto ciclo di programmazione del 2019 (30 maggio – 3 luglio). Lo segnalano i nuovi dati Audimovie di giugno 2019 (.xls). Considerando i dati complessivi dell’anno, i biglietti staccati salgono così a 51.339.309.

I 20 film più visti in giugno:
‘Aladdin’; ‘Pets 2 – Vita da animali’; ‘Toy Story 4’; ‘X-men: dark Phoenix’; ‘Il traditore’; ‘Godzilla 2: king of the monsters’; ‘Rocketman’; ‘Arrivederci professore’; ‘Dolor y Gloria’; ‘La bambola assassina’; ‘Polaroid’; ‘I morti non muoiono’; ‘Annabelle 3’; ‘John Wick 3 – Parabellum’; ‘Nureyev – the white crow’; ‘A mano disarmata’; ‘ Il grande salto’; ‘La mia vita con John F. Donovan’; ‘A spasso con Willy’; ‘Attenti a quelle due’.

(elaborazione Audimovie)

La classifica progressiva delle pellicole più viste da inizio anno:
Nella classifica progressiva delle pellicole più viste da inizio anno resta in testa ‘Avengers: Endgame’. Alle sue spalle ‘Aladdin’ e ‘Dumbo’.

(elaborazione Audimovie)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

Pubblicità, anche a maggio crollano gli investimenti, -41,1%; nei primi cinque mesi -23,8%. Nielsen: fase peggiore della pubblicità moderna

Pubblicità, anche a maggio crollano gli investimenti, -41,1%; nei primi cinque mesi -23,8%. Nielsen: fase peggiore della pubblicità moderna