Havas Milan: nuovo assetto per i vertici del reparto creativo guidato da Giovanni Porro

Havas Milan rinnova e rimpolpa i suoi vertici creativi con quattro importanti innesti. Aureliano Fontana e Bruno Vohwinkel, e Martino Lapini e Azeglio Bozzardi assumono infatti la carica di deputy executive creative directors e vanno a rinforzare la squadra del chief creative officer Giovanni Porro.

Una scelta volta al miglioramento dell’output creativo, della consulenza strategica e della profittabilità sia sui clienti esistenti che sul new business. La prima coppia avrà una delega sull’organizzazione e la formazione del reparto creativo, la seconda una delega sullo sviluppo delle attività e delle risorse digitali.

Nella foto, Giovanni Porro con (da sinistra a destra): Azeglio Bozzardi, Martino Lapini, Bruno Vohwinkel e Aureliano Fontana

Spiega Giovanni Porro: “Negli ultimi anni siamo cresciuti molto, di numero e dimensione dei clienti. Sono contento che Bruno, Aureliano, Azeglio e Martino abbiano accettato di mettere a disposizione il loro talento consentendoci di allargare il fronte di direzione creativa esecutiva. La qualità del prodotto creativo è sempre stata per noi una priorità. E vogliamo continui ad esserlo.”

Questa evoluzione si innesta nella sempre maggiore necessità di sinergia tra tutte le componenti del Havas Village secondo il valore della Meaningfulness, la filosofia che caratterizza tutto il processo di lavoro del Gruppo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager