Snapchat: trimestre sopra le attese per l’app del fantasmino. Perdite in calo, mentre crescono ricavi e utenti

Snap chiude il secondo trimestre oltre le attese degli analisti. Nel periodo aprile-giugno la compagnia del fantasmino ha registrato perdite in calo a 255 milioni di dollari rispetto ai 353 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso, con ricavi sopra le le attese, balzati del 48% a 388 milioni di dollari a fronte dei 360,5 milioni su cui scommetteva il mercato.
Crescita record per gli utenti giornalieri, aumentati del 7% a 203 milioni contro le previsioni degli analisti che scommettevano su 192 milioni. Per Snapchat la crescita del numero degli utenti è cruciale perché le consente di attirare più inserzionisti e migliorare i ricavi.

Evan Spiegel

Si tratta del secondo trimestre consecutivo di crescita dopo nove mesi di stagnazione o calo: sembra dunque che l’app dei messaggini che scompaiono abbia voltato pagina e si sia lasciata alle spalle il periodo nero della fuga dei manager e soprattutto del nuovo design sbagliato che ha innescato una fuga degli utenti.

L’app si mostra ottimista anche guardando avanti. Per il terzo trimestre stima ricavi fra i 410 e i 435 milioni di dollari, un range record per la società che ha registrato il suo picco negli ultimi tre mesi del 2018 con 389,8 milioni. Il numero degli utenti giornalieri è atteso fra 205 e 207 milioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste