Il Dipartimento di Giustizia Usa avvia indagine antitrust sulle big tech

Il Dipartimento di Giustizia americano apre un’ampia indagine antitrust sulle maggiori aziende tecnologiche americane.  Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali le autorità americano vogliono verificare se le big hi tech hanno soffocato illegalmente la concorrenza. 

L’indagine rappresenta una nuova minaccia per colossi del comparto come Facebook, Google, Amazon e Apple, con Washington che valuterà in particolare le pratiche delle piattaforme online che dominano le ricerche su internet, i social media e i servizi al dettaglio.

La nuova inchiesta antitrust è un segnale dell’interesse del procuratore generale William Barr nel settore tecnologico e potrebbe incrementare le pressioni normative che devono affrontare le principali aziende tech statunitensi.

Il procuratore generale William Barr (Foto Ansa – EPA/MICHAEL REYNOLDS)

La revisione del comparto da parte del DoJ è stata infatti progettata per andare oltre i recenti piani di controllo del settore realizzati dal Dipartimento stesso e dalla Federal Trade Commission. Alcuni dei big tech Usa rischiano ora di ricevere sanzioni antitrust sia dal Dipartimento di Giustizia che dall’Ftc.

La Federal Trade Commission a febbraio ha creato una propria task force per monitorare la concorrenza nel settore tecnologico. Il lavoro del team dell’Ftc è tuttora in corso.

Nel frattempo, il Dipartimento di Giustizia esaminerà diverse questioni tra le quali il modo in cui le aziende tech sono cresciute di dimensioni e influenza sul mercato e hanno ampliato la loro portata in ulteriori attività. Il DoJ è anche interessato a come queste società abbia sfruttato il potere derivante dall’avere reti di utenti molto vaste, ha puntualizzato  il giornale.

Non esiste ancora un obiettivo finale definito per l’indagine sulle big tech Usa se non quello di capire se ci sono problemi antitrust che devono essere affrontati, ma una vasta gamma di opzioni è sul tavolo, hanno infine puntualizzato i funzionari. L’analisi del DoJ potrebbe condurre anche a indagini più mirate sulla condotta specifica di alcune aziende oggetto di revisione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Premier League riparte il 17 giugno

La Premier League riparte il 17 giugno

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Edicole, a Milano potranno emettere certificati anagrafici. Snag: nuovo modello commerciale

Edicole, a Milano potranno emettere certificati anagrafici. Snag: nuovo modello commerciale