Superenalotto resta a Sisal. Offerti 220 milioni ed aggio allo 0,5%. Al secondo posto Lottomatica, terzi i cechi di Sazka

Sarà ancora Sisal a gestire il SuperEnalotto per i prossimi 9 anni. Sisal – secondo quanto appreso da Agimeg – dopo aver conquistato 45 punti nell’offerta tecnica, ha conquistato 55 punti (cioè il massimo) per quanto riguarda l’offerta economica. La società ha proposta un’offerta di 220 milioni con un aggio al ribasso dello 0,5%. Lottomatica si è piazzata al secondo posto, con un’offerta di 130 milioni ed un aggio dell’1,5% ed i cechi di Sazka al terzo, con un’offerta di 100 milioni e l’aggio al 4,5%.

Il Superenalotto in quasi 22 anni – fu lanciato nel dicembre 1997 – ha distribuito poco meno di 5 miliardi di euro solamente tra vincite di prima e seconda categoria, oltre 3,4 miliardi solamente con i “6” (in attesa che cada l’attuale jackpot, arrivato a toccare la cifra record di 195 milioni). Dal lancio del gioco a oggi, nella caccia alla sestina dei sogni sono stati puntati complessivamente 43 miliardi di euro, una cifra che ha consentito all’Erario di beneficiare di 21 miliardi, con una media di oltre un miliardo di euro all’anno. Nell’ultimo triennio, la raccolta si è attestata intorno a 1,4 miliardi di euro l’anno. A livello geografico la Campania è la regione che in termini assoluti ha centrato più vincite di prima categoria, ben 19, seguita dal Lazio con 16 e dall’Emilia Romagna con 12. (AGIMEG)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste