Facebook: trimestre sopra le attese con ricavi e utenti in crescita. Zuckerberg: maggiori tutele su privacy

Facebook chiude il secondo trimestre sopra le attese e avanza a Wall Street. I ricavi si sono attestati a 16,89 miliardi di dollari, sopra i 16,49 miliardi di dollari previsti dal mercato, in crescita del 28%, mentre l’utile netto è calato del 49% a 2,6 miliardi di dollari. Gli utenti utili mensili sono saliti dell’8% a 2,41 miliardi. Segnano un aumento dell’8% anche quelli giornalieri a 1,59 miliardi.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa EPA/ETIENNE LAURENT)

“Abbiamo avuto un trimestre solido e le nostre attività e la nostra comunità continuano a crescere. Stiamo investendo per maggiori tutele della privacy per tutti e nell’offrire nuove esperienze a chi usa i nostri servizi” ha spiegato Zuckerberg, che, rivolgendosi ai dipendenti ha parlato anche di “un nuovo capitolo” per la società dopo il patteggiamento da 5 miliardi di dollari con la Federal Trade Commission sulla privacy.

Lo stesso social ho poi annunciato anche l’apertura di un’indagine antitrust da parte sempre della Ftc. L’inchiesta è separata da quella avviata dal Dipartimento di Giustizia sulle maggiori aziende tecnologiche americane.
Ftc e il Dipartimento di Giustizia di dividono le responsabilità antitrust, e in giugno il Dipartimento di Giustizia ha dato alla Ftc la giurisdizione su Facebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro