Trimestrali positive per Facebook e Google, mentre l’inventore del retweet si è pentito della sua invenzione

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Facebook
Trimestrale più che positiva per Facebook, che nonostante scandali e multe sull’uso disinvolto dei dati degli utenti continua a crescere: sono 1,6 miliardi gli utenti che quotidianamente usano il social, +8% quelli che lo usano mensilmente, ricavi in aumento del 28% annuo (16,9 miliardi di cui oltre il 90% generati dalla pubblicità).

Google
Bene anche Alphabet, società che controlla Google: +19% di ricavi rispetto allo stesso trimestre del 2018.

Twitter
L’inventore del retweet, Chris Wetherell, si dice pentito della sua invenzione a causa della facilità con cui permette a certi contenuti estremi e violenti di diventare virali: “ho consegnato una pistola carica in mano a un bambino di 4 anni”.

Information and Communications Technology
Secondo recenti stime, il settore globale dell’Ict potrebbe arrivare a rappresentare il 3,5% delle emissioni globali entro il 2020 e salire al 14% vent’anni dopo. Molte società del comparto hanno però dimostrato buona sensibilità all’argomento con investimenti e soluzioni più ecologiche.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello della Figc al governo: “Sostenete il sistema calcio, è fondamentale”. E invia un’analisi con potenzialità e criticità

Appello della Figc al governo: “Sostenete il sistema calcio, è fondamentale”. E invia un’analisi con potenzialità e criticità

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane