Facebook: per il Nyt il co-fondatore Hughes sta collaborando con autorità Usa per possibile caso antitrust

Chris Hughes ha fondato Facebook insieme a Mark Zuckerberg, ma ora sta spiegando alle autorità americane perché Facebook dovrebbe essere smembrata. Lo sostiene il New York Times, secondo cui Hughes, insieme ai professori antitrust Scott Hemphill e Tim Wu, ha avuto incontri di recente con la Federal Trade Commission e il Dipartimento di Giustizia, ai quali hanno presentato un possibile caso antitrust contro Facebook.

A loro avviso Facebook per anni ha portato a termine una “serie di acquisizioni difensive” per proteggere la sua posizione dominante.

Chris Hughes

Il coinvolgimento di Hughes, scrive il quotidiano, “colpisce perché pochi fondatori di società sono passati dal fondarla a chiedere di smantellarla”.

In ogni caso non è la prima volta che Hughes affronta la questione dello smembramento del social. Nel maggio scorso l’informatico aveva scritto, sempre sul Nyt, un editoriale in cui esprimeva i suoi dubbi sul potere acquisito da Facebook, invitando le autorità ad intervenire sul tema.
“L’influenza di Mark è sconcertante, va al di là di chiunque altro nel settore privato o nel governo. Controlla tre piattaforme di comunicazione che miliardi di persone usano tutti i giorni”, aveva scritto. Per poi rincarare la dose: “il potere di Mark è senza precedenti, è anti-americano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, ecco le motivazioni per cui Agcom ha comminato 1.5 milioni di multa a Viale Mazzini

Rai, ecco le motivazioni per cui Agcom ha comminato 1.5 milioni di multa a Viale Mazzini

<strong> 20 febbraio </strong> Don Matteo castiga Albanese e Cortellesi. Schianto per Timi

20 febbraio Don Matteo castiga Albanese e Cortellesi. Schianto per Timi

Intelligenza artificiale, in Italia aumentano gli investimenti: 200 milioni nel 2019. Banca, finanza e utility i settori più attivi

Intelligenza artificiale, in Italia aumentano gli investimenti: 200 milioni nel 2019. Banca, finanza e utility i settori più attivi