Google: trimestrale sopra le attese. Aumentano utile e ricavi, ma rallenta la pubblicità

Trimestrale sopra le attese per Google che annuncia anche un piano di buy back da 25 miliardi di dollari. I ricavi nel secondo trimestre sono saliti del 19% a 38,9 miliardi di dollari, oltre le previsioni degli analisti che scommettevano su 38,2 miliardi.
L’utile è schizzato a 9,95 miliardi di dollari, in rialzo rispetto agli 8,27 miliardi dell’anno scorso e oltre gli 11,83 dollari previsti dal mercato.

I ricavi da pubblicità sono saliti del 16%: pur trattandosi di un rallentamento rispetto agli anni scorsi, il dato rassicura gli investitori dopo il primo trimestre.

Sundar Pichai (Foto EPA/Toni Albir)

Il buon andamento dei conti conferma, secondo gli analisti, la solidità di Google, il cui dominio nelle ricerche online resta quasi assoluto. E proprio su questo dominio puntano ora a vederci chiaro le autorità americane. Il Dipartimento di Giustizia ha infatti avviato un’indagine antitrust sulle maggiori aziende tecnologiche americane. Un’inchiesta che potrebbe avere forti conseguenze per Google, Amazon, Apple e Facebook. Le autorità puntano a capire come i big della Silicon Valley hanno raggiunto la loro forza di mercato e soprattutto se lo hanno fatto soffocando la concorrenza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza