Subito è la grande piazza virtuale dove tutti possono trovare quello che vogliono

Contenuto sponsorizzato

Subito è una digital company italiana nata nel 2007 che attualmente conta 13* milioni di utenti al mese, inserendosi quindi tra i primi 10 brand online più visitati in Italia.

A cosa si deve questo successo? Un italiano su due fa compravendita di usato, secondo l’Osservatorio Second Hand Economy condotto da Doxa**. Questo perché Subito è una grande piazza virtuale dove tutti possono trovare l’oggetto che vogliono o l’acquirente giusto nel modo più semplice, veloce e sicuro. Per rispondere alle esigenze e ai bisogni di una audience così vasta e variegata, Subito mette a disposizione 37 categorie merceologiche tra cui scegliere. Si va quindi dai classici smartphone, ai passeggini, all’arredamento ma anche a ville di prestigioso, auto di lusso e oggetti cult come chitarre della Gibson e vasi di Venini.

Soddisfare i bisogni e le esigenze degli utenti richiede anche un diverso approccio marketing. Subito ha l’ambizione di parlare a ciascun utente sulla base di ciò che sta cercando ma anche di ciò di cui potrebbe avere bisogno. La chiave di questo business è far incontrare chi vende e chi compra, in un incontro magico e perfetto come racconta la vision: Create perfect matches in the most trusted Italian marketplace. Per questo c’è una forte strategia data-driven che aiuta a dare un senso all’immensa mole di dati che vengono generati su Subito per offrire esperienze, prodotti e servizi sempre più personalizzati, in modo da poter rispondere con precisione alle necessità dei singoli utenti.

Allo stesso tempo Subito è anche un publisher che mette a disposizione delle aziende spazi pubblicitari in cui presentare prodotti, offerte o semplicemente il brand a 13 milioni di utenti. Come publisher, è fondamentale saper segmentare con estrema efficacia e ottenere insight quanto più accurati, raccogliendo e unificando dati da molteplici fonti. Per questo ha deciso di dotarsi di una Data Management Platform, che adesso sta implementando e sarà live a breve. Sarà utilizzata sia per l’ambito marketing sia per l’ambito advertising in ottica di offrire agli utenti una user experience tailor made e ai clienti advertiser il massimo ritorno sull’investimento.

“La nostra ambizione è intercettare la propensione e i bisogni dell’utente ancor prima che vengano espressi: se siete neopapà, oltre al passeggino avrete bisogno di una station wagon e di una casa con una stanza in più.” – dichiara Elena Ianni, Marketing Director di Subito – sapendolo Subito potrà far incontrare la domanda e l’offerta di servizi/prodotti nel modo più rapido e semplice per tutti. “Allo stesso modo per chi investe sulla nostra piattaforma siamo in grado di suggerire quando e in quali categorie intercettare il loro target. Su Subito, infatti, un utente può comprare e/o vendere diverse tipologie di beni. Dall’analisi di questi interessi siamo in grado di profilarlo e targettizzare le comunicazioni pubblicitarie a lui dedicate.”. Per questo l’azienda pone una forte attenzione anche nel creare engagement con gli utenti offrendo sempre nuovi motivi per tornare sulla piattaforma.

*Fonte Audiweb Total Digital Audience Gennaio 2019

**Osservatorio Second Hand Economy 2018 condotto da DOXA per Subito nel marzo 2019 su un campione rappresentativo della popolazione italiana attraverso 2.000 interviste CATI (Computer Aided Telephone Interviews) + CAWI (Computer Assisted Web Interviewing)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste