Subito è la grande piazza virtuale dove tutti possono trovare quello che vogliono

Contenuto sponsorizzato

Subito è una digital company italiana nata nel 2007 che attualmente conta 13* milioni di utenti al mese, inserendosi quindi tra i primi 10 brand online più visitati in Italia.

A cosa si deve questo successo? Un italiano su due fa compravendita di usato, secondo l’Osservatorio Second Hand Economy condotto da Doxa**. Questo perché Subito è una grande piazza virtuale dove tutti possono trovare l’oggetto che vogliono o l’acquirente giusto nel modo più semplice, veloce e sicuro. Per rispondere alle esigenze e ai bisogni di una audience così vasta e variegata, Subito mette a disposizione 37 categorie merceologiche tra cui scegliere. Si va quindi dai classici smartphone, ai passeggini, all’arredamento ma anche a ville di prestigioso, auto di lusso e oggetti cult come chitarre della Gibson e vasi di Venini.

Soddisfare i bisogni e le esigenze degli utenti richiede anche un diverso approccio marketing. Subito ha l’ambizione di parlare a ciascun utente sulla base di ciò che sta cercando ma anche di ciò di cui potrebbe avere bisogno. La chiave di questo business è far incontrare chi vende e chi compra, in un incontro magico e perfetto come racconta la vision: Create perfect matches in the most trusted Italian marketplace. Per questo c’è una forte strategia data-driven che aiuta a dare un senso all’immensa mole di dati che vengono generati su Subito per offrire esperienze, prodotti e servizi sempre più personalizzati, in modo da poter rispondere con precisione alle necessità dei singoli utenti.

Allo stesso tempo Subito è anche un publisher che mette a disposizione delle aziende spazi pubblicitari in cui presentare prodotti, offerte o semplicemente il brand a 13 milioni di utenti. Come publisher, è fondamentale saper segmentare con estrema efficacia e ottenere insight quanto più accurati, raccogliendo e unificando dati da molteplici fonti. Per questo ha deciso di dotarsi di una Data Management Platform, che adesso sta implementando e sarà live a breve. Sarà utilizzata sia per l’ambito marketing sia per l’ambito advertising in ottica di offrire agli utenti una user experience tailor made e ai clienti advertiser il massimo ritorno sull’investimento.

“La nostra ambizione è intercettare la propensione e i bisogni dell’utente ancor prima che vengano espressi: se siete neopapà, oltre al passeggino avrete bisogno di una station wagon e di una casa con una stanza in più.” – dichiara Elena Ianni, Marketing Director di Subito – sapendolo Subito potrà far incontrare la domanda e l’offerta di servizi/prodotti nel modo più rapido e semplice per tutti. “Allo stesso modo per chi investe sulla nostra piattaforma siamo in grado di suggerire quando e in quali categorie intercettare il loro target. Su Subito, infatti, un utente può comprare e/o vendere diverse tipologie di beni. Dall’analisi di questi interessi siamo in grado di profilarlo e targettizzare le comunicazioni pubblicitarie a lui dedicate.”. Per questo l’azienda pone una forte attenzione anche nel creare engagement con gli utenti offrendo sempre nuovi motivi per tornare sulla piattaforma.

*Fonte Audiweb Total Digital Audience Gennaio 2019

**Osservatorio Second Hand Economy 2018 condotto da DOXA per Subito nel marzo 2019 su un campione rappresentativo della popolazione italiana attraverso 2.000 interviste CATI (Computer Aided Telephone Interviews) + CAWI (Computer Assisted Web Interviewing)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%