L’amore per il marketing di Raja Rajamannar, responsabile marketing e comunicazione di Mastercard

“Il marketing è un settore affascinante. Quale altro lavoro ti consente di vedere il mondo, di incontrare alcune delle persone più influenti e incoraggiare la passione, lo scopo e l’orgoglio?”. Il testimone entusiasta è Raja Rajamannar, responsabile marketing e comunicazione di Mastercard, l’uomo che ha creato l’inossidabile campagna Priceless e che pilota il gruppo finanziario leader nelle carte di credito nei territori avanguardia della comunicazione, in una testimonianza su Campaign, come membro dell’iniziativa Power 100.

Dida Raja Rajamannar è responsabile marketing e comunicazione di Mastercard e membro di Power 100 di Campaign

“Il marketing è una delle rare professioni che è molto più di un lavoro. È un’arte mistica e una scienza che esercita sia il cervello destro che sinistro, una combinazione di creatività e analisi, e serve a uno scopo sociale più grande – che tu sia un secchione di dati o un fanatico creativo – è olistico e gratificante”, sostiene Rajamannar.

“Ora, immagina di essere un diciottenne e qualcuno ti ha detto che potresti impegnarti in un campo in cui giochi costantemente con le tecnologie più recenti, viaggiando per il mondo, incontrando le persone più di valore, vivendo in un ambiente frenetico, eccitante, di provare la gioia di vedere il tuo lavoro prendere vita in un modo molto visibile e tangibile, costruendo la tua carriera in un campo in cui continui ad imparare e sfidare e hai l’opportunità di avere un impatto sulla vita delle persone”.
“Questo oggi è marketing”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste