Serie A e MediaPro trattano sul canale tematico. Dead line il 30 settembre

“Si va avanti nello studio dell’offerta di MediaPro. E si valutano tutte le opzioni sul tavolo. Stiamo lavorando bene. C’è grande fiducia? Sì”. È il pensiero del presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccicché,  sulla trattativa sui diritti tv con MediaPro per la realizzazione di un canale tematico, della quale i club hanno discusso in assemblea il 29 luglio.

L’intenzione è quella di arrivare a una decisione sull’offerta della compagnia cinese-spagnola entro il 30 settembre. L’assemblea “valuta positivamente l’ipotesi di realizzazione del canale della Lega” e ha infatti dato all’unanimità un mandato “al presidente e all’amministratore delegato di negoziare e di definire l’accordo contrattuale con MediaPro entro e non oltre il 30 settembre 2019”, sulla base dell’offerta economica avanzata da MediaPro il 26 luglio 2019.

Gaetano Miccicchè (Foto ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

La Lega in una nota ha comunque specificato che “intende mantenere la piena facoltà di rivolgersi agli operatori del mercato della comunicazione per l’assegnazione dei diritti audiovisivi per il triennio 2021/2024”.

Continua dunque la trattativa sull’offerta che ammonterebbe ad un minimo di 1,150 miliardi a stagione (più 55 milioni per i diritti d’autore e 78 milioni per i costi di produzione, con un totale di circa 1,3 miliardi l’anno) e con rafforzate garanzie finanziarie da parte del colosso audiovisivo. Le valutazioni finali arriveranno a fine settembre.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi