Mondadori: nel primo semestre riduce perdita a 1,9 milioni. Confermati target anno, con possibile ritorno al dividendo

Mondadori ha chiuso il primo semestre riportando una perdita netta in riduzione a 1,9 milioni di euro, rispetto al ‘rosso’ di 12,5 milioni registrato nello stesso periodo del 2018. I ricavi consolidati, si legge in una nota, sono scesi da 390,8 a 380 milioni, mentre l’Ebitda – al netto degli effetti legati all’applicazione dei nuovi principi contabili Ifrs 16 – è migliorato a 12,6 milioni rispetto ai 3,5 mln riportati nel giugno dello scorso anno.

Ernesto Mauri e Marina Berlusconi

Il risultato netto rettificato delle attività in continuità, allo stesso modo, migliora da -14,7 a -5,7 milioni. La posizione finanziaria netta a fine periodo migliora di 34,2 milioni nell’ultimo anno e si attesta a -204,2 milioni, per effetto della continua generazione di cash flow ordinario.

Alla luce dei risultati riportati nella prima metà dell’esercizio, Mondadori ha confermato i target delle proprie attività in continuità per l’intero anno. I ricavi sono attesi in lieve contrazione, l’Ebitda adjusted e risultato netto, al netto degli Ifrs 16, sono visti rispettivamente in crescita a singola cifra e in un range tra 30 e 35 milioni. Il cash flow ordinario è atteso attorno a 45 milioni, “creando condizioni sostenibili per un possibile futuro ritorno al dividendo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste