Apple: ricavi in crescita nel terzo trimestre. Utile in calo con frenata nelle vendite di iPhone

Apple chiude il terzo trimestre, superando le previsioni, con ricavi in crescita dell’1%, che si attestato a 53,8 miliardi di dollari a fronte dei 53,5 miliardi attesi. Cala invece l’utile netto, -12,8%, a 10 miliardi di dollari.

I ricavi di Apple per l’iPhone – ai minimi dal 2012, nel terzo trimestre sono però calati del 12%, a 25,98 miliardi di dollari rispetto ai 29,5 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso. Il dato è sotto le attese degli analisti, che scommettevano su 26,54 miliardi. Il tutto mentre continuano a circolare rumors sull’arrivo di tre nuovi modelli nel 2020.
A bilanciare il rallentamento è la divisione servizi, con ricavi saliti a 11,46 miliardi dai 10,2 miliardi del terzo trimestre 2018, ma sotto gli 11,88 miliardi previsti dal mercato.

Tim Cook (Foto Ansa – EPA/JUSTIN LANE)

“E’ stato il nostro miglior terzo trimestre di settembre, spinto dai ricavi record della divisione servizi, dalle solide perfomance di iPad e Mac e dal significativo miglioramento del trend dell’Iphone”, ha affermato l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook.
“Al di là dell’iPhone, la società sta crescendo al 17%”, ha messo in evidenza il chief financial officer, Luca Maestri. “La nostra performance è migliorata rispetto al trimestre precedente e ha spinto il cash flow operativo a 11,6 miliardi di dollari. Abbiamo distribuito più di 21 miliardi di dollari agli azionisti durante il trimestre”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud