Dal 9 al 15 marzo a Roma l’edizione 2020 di ‘Uno Sguardo Raro’, festival di cinema internazionale sulle malattie rare

E’ in programma a Roma dal 9 al 15 marzo 2020 la quinta edizione di ‘Uno Sguardo Raro’ – the Rare Disease International Film Festival 2020, il festival di cinema internazionale sul tema delle malattie rare.

Nato per raccontare cosa significhi vivere con una malattia rara o con abilità diverse e per stimolare,
attraverso la narrazione cinematografica, una riflessione su come sia possibile affrontare questi temi con
registri di comunicazione innovativi e ad alto impatto emotivo, il Festival rappresenta la sfida – raccolta da giovani filmaker di tutto il mondo, da malati rari, da associazioni pazienti e da chi vive con loro – di
raccontare questa realtà da un punto di vista diverso.

Il bando, a iscrizione gratuita fino al 30 novembre, prevede le categorie: cortometraggi italiani, cortometraggi internazionali, cortometraggi di animazione, documentari. Ad esse si aggiungono poi le categorie: corto/spot di Sensibilizzazione in collaborazione con Ferpi – aperto ad Associazioni Pazienti e ad Aziende Farmaceutiche – che da questa edizione entra ufficialmente in concorso; e corto/spot istituzionale di comunicazione in sanità in collaborazione con PA social, una novità per il festival, che si rivolge a Ospedali, asl, e associazioni pazienti che operano in ospedale.

Nella foto la premiazione dell’edizione dello scorso anno: sulla destra, Claudia Crisafio (Foto Giulio D’Ercole)

Saranno selezionate le migliori opere video sul tema delle malattie rare, video di sensibilizzazione e
sull’importanza dell’inclusione sociale, ma anche opere che parlano di disabilità, empatia, resilienza, o
della capacità di superare i propri limiti, questo per celebrare le qualità che le persone con limitazioni di
qualunque tipo mettono in campo per vivere appieno la loro vita.

I lavori saranno giudicati e premiati una Giuria di Qualità composta da professionisti del cinema, della
comunicazione, del mondo scientifico e della comunità dei rari. A questi viene affiancata anche una
Menzione Speciale Giuria Popolare decretata dalle votazioni del pubblico.
Quest’anno i vincitori riceveranno un premio di € 500,00 per 4 categorie in concorso: Miglior Cortometraggio Italiano, Miglior Cortometraggio Internazionale, Miglior Corto di Animazione, Miglior Documentario.

Confermato il Premio HEYOKA, un fuori concorso nato dall’incontro con la Community di Heyoka Empath, progetto di Ability Channel, storica testata on line dedicata alla disabilità “positiva”. Tra tutte le opere in gara, la giuria del Premio HEYOKA selezionerà quelle che rispondono al tema dell’empatia e dell’inclusione e le farà votare dalla propria community.

Uno Sguardo Raro nasce dall’incontro di Claudia Crisafio, autrice e attrice, e Serena Bartezzati, malata rara e professionista della comunicazione.
Le prime due edizioni, nel 2016 e 2017, hanno presentato una rassegna di spot, cortometraggi e docu-film attraverso l’esperienza dei protagonisti: i registi, gli interpreti, la comunità dei malati rari e i suoi rappresentanti. Da questi eventi è nato, nel 2018 il Festival.

Macchina organizzativa l’associazione ‘Nove Produzioni’, libera associazione di fatto, apartitica
e apolitica e senza scopo di lucro, fondata da Crisafio nel 2017 con il sostegno di soci appartenenti al mondo del cinema e alla comunità dei malati rari, per organizzare la manifestazione cinematografica Uno Sguardo Raro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste