Spotify: nel secondo trimestre ricavi e utenti in crescita

Spotify Technology ha registrato nel secondo trimestre un incremento del numero di utenti superiore alle attese. Nello specifico, la compagnia ha concluso il trimestre con 232 milioni di utenti attivi su base mensile, superando la stima di 228 milioni. Gli abbonati al servizio premium sono 108 milioni, poco sotto i 108,5 milioni attesi dal mercato.

I ricavi sono saliti del 31% a 1,67 miliardieuro, in linea con le stime. I ricavi da abbonamenti sono saliti del 31% a 1,5 miliardi euro, superiori alle attese, e i ricavi relativi agli annunci pubblicitari sono aumentati del 34% a 165 mmilioni euro. In calo invece i ricavi medi per utente, scesi di meno dell’1% a 4,86 euro nel trimestre. Il declino, legato al fatto che i nuovi abbonamenti corrispondono in parte alle offerte per famiglie e studenti, dovrebbe continuare nel resto dell’anno.

Daniel Ekdaniel

Nel periodo terminato il 30 giugno la compagnia ha riportato una perdita di 76 milioni euro, inferiore alla perdita di 394 milioni euro del 2* trimestre dello scorso anno.

Per il trimestre in corso, Spotify stima un aumento degli utenti attivi a 240-245 milioni e degli abbonati a 110-114 milioni. I ricavi sono attesi in rialzo a 1,57-1,77 miliardi di euro. Per il quarto trimestre gli utenti attivi sono stimati a 250-265 milioni e gli abbonati a 120-125 milioni, mentre i ricavi a 1,74-1,94 miliardi di euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste