Mondadori Retail: Carmine Perna nuovo amministratore delegato al posto di Pierluigi Bernasconi

Conclusa la cessione di Mondadori France a Reworld Media, Carmine Perna, che dal 2013 era a capo della filiale francese, torna in Italia per assumere la carica di amministratore delegato di Mondadori Retail, a partire dal primo agosto 2019.

Perna prende il posto di Pierluigi Bernasconi – la cui decisione di lasciare la società è legata a esigenze di carattere personale e in accordo con il Gruppo -, e, nella sua funzione, ha l’obiettivo di avviare una nuova fase di sviluppo e trasformazione in un’ottica multicanale di Mondadori Retail.

Carmine Perna

Nato a Serino (AV) e laureato in economia aziendale presso l’Università Bocconi di Milano, Perna, 49 anni,  ha lavorato nel Gruppo Sisal, in H3G S.p.A. e nel Gruppo Ventaglio ricoprendo diversi ruoli in ambito finance. Nel 2006 ha iniziato il suo percorso nel Gruppo Mondadori, all’interno della direzione amministrazione finanza e controllo, per poi ricoprire ruoli con responsabilità crescenti.
Nel 2007 ha assunto la carica di chief financial officer di Mondadori France, nel 2010 quella di direttore esecutivo finance e opérations della controllata francese per poi diventarne nel marzo 2013 amministratore delegato. Dotto la sua guida, segnala la nota dell’editrice, Mondadori France ha intrapreso un percorso di trasformazione con la rivisitazione, il rilancio dei magazine e un piano di diversificazione dei brand anche nel digitale.

Mondadori Retail, di cui è presidente Mario Resca, ha registrato nel 2018 ricavi per 191,8 milioni di euro. La società opera sul territorio attraverso circa 600 punti vendita in gestione diretta e in franchising, e online con il sito mondadoristore.it.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TikTok contro la disinformazione sul Covid: rimossi 51mila video in pochi mesi. E pubblica il nuovo Rapporto sulla trasparenza

TikTok contro la disinformazione sul Covid: rimossi 51mila video in pochi mesi. E pubblica il nuovo Rapporto sulla trasparenza

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

Telegram: chiusi 329 canali per copie pirata di libri e giornali

Telegram: chiusi 329 canali per copie pirata di libri e giornali