Pubblicità a -6,8% a giugno. Nielsen: semestre a -1,3% (-5,7% senza search e social). Giù tv e stampa; tiene la radio, bene cinema e GoTv

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di giugno in negativo, a -6,8% rispetto allo stesso periodo del 2018, portando la raccolta nel primo semestre in negativo (-1,3%). Lo segnalano i dati Nielsen (.pdf), dai quali si evince che, se si esclude dalla raccolta web la stima sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – giugno si attesta a -5,7%.

“Al di là delle dinamiche congiunturali note e proprie del mercato pubblicitario in un periodo che si confronta con un mese di giugno 2018 fortemente condizionato dall’impatto positivo dei Mondiali di Calcio, è necessario tenere in considerazione il quadro economico in cui le aziende stanno operando in Italia”, spiega Alberto Dal Sasso, AIS managing director di Nielsen. “E’ recente la stima flash dell’Istat che conferma la stagnazione in cui si muove il Paese da ormai 5 trimestri e la “crescita zero” tendenziale dell’ultimo trimestre dell’anno: tutto questo in un più ampio contesto dove anche l’Eurozona rallenta la crescita e l’inflazione diminuisce. Si tratta quindi di dati non confortanti per le aziende che devono effettuare le proprie scelte di investimento in uno scenario incerto, anche dal punto di vista politico”,
conclude Dal Sasso.

(elaborazione Nielsen)

Relativamente ai singoli mezzi, la TV è il mezzo che risente maggiormente dell’assenza del Mondiali di calcio, con un calo nel singolo mese del -20%. Il primo semestre si chiude così a -6,3%.
In negativo i quotidiani, che a giugno perdono il -7,6%, consolidando il periodo cumulato gennaio-giugno a -10,1%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per il semestre, con cali rispettivamente del -11,1% e -14,7%.
Il mese di giugno è in calo per la radio, che registra un decremento del -2,2% rispetto a giugno 2018. Rimane tuttavia in positivo (+1,4%) la raccolta per i primi sei mesi di quest’anno.

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel primo semestre mesi del 2019 chiude in positivo, a +8,5% (+1,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet).
Cinema e GoTv sono in crescita rispettivamente del +24,8% e del +5,8%. In negativo l’outdoor (-6,2%) e il transit (-3,0%).

(elaborazione Nielsen)

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano sei in crescita, con un apporto di circa 32 milioni di euro. Per i primi 10 settori solo 2 hanno un andamento positivo, media/editoria (+1,3%) e tempo libero (+10,9%). Per gi altri settori si evidenzia il calo di telecomunicazioni (-22,2%), Automobili (-8,5%), Bevende/alcoolici (-9,2%) e cura persona (-11,8%), che investono complessivamente circa 100 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo 2018.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato della pubblicità è fermo nei primi quattro mesi dell’anno. Nielsen: ad aprile -0,5%. Senza search e social -3,9%

Il mercato della pubblicità è fermo nei primi quattro mesi dell’anno. Nielsen: ad aprile -0,5%. Senza search e social -3,9%

Pubblicità, raccolta flat a marzo. Nielsen: primo trimestre -0,2% (-3,5% senza il digitale che conta), giù tv e stampa, tiene la radio, bene il cinema

Pubblicità, raccolta flat a marzo. Nielsen: primo trimestre -0,2% (-3,5% senza il digitale che conta), giù tv e stampa, tiene la radio, bene il cinema

Male la raccolta pubblicitaria nei primi due mesi -3.6% (meno peggio a febbraio -0,1%). Nielsen: calano tv, stampa e outdoor

Male la raccolta pubblicitaria nei primi due mesi -3.6% (meno peggio a febbraio -0,1%). Nielsen: calano tv, stampa e outdoor