Fnsi presenta proposte al sottosegretario Durigon su lavoro e previdenza. E ribadisce: non saremo a chiusura Stati generali

Seconda riunione per il tavolo tecnico su lavoro e previdenza convocato dal sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon. All’incontro hanno preso parte anche i vertici Fnsi, con il segretario generale Raffaele Lorusso e il presidente Giuseppe Giulietti.

“Accogliendo l’invito rivolto dal sottosegretario a tutti i partecipanti alla prima riunione a formulare ipotesi di modifiche normative”, racconta il sindacato in una nota, la Fnsi ha presentato le proprie proposte, confermando “anche di voler contribuire a individuare le soluzioni necessarie per rilanciare il settore, contrastare il precariato e valorizzare il lavoro regolare”.

Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso (Foto ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Il sindacato dei giornalisti ha ribadito “la propria indisponibilità – in presenza delle gravi pregiudiziali contro il lavoro, la professione e gli organismi della categoria – a partecipare alla fase finale dei cosiddetti Stati generali dell’editoria annunciati dal sottosegretario Vito Crimi per il mese di ottobre a Torino”.

“Stante questa situazione, la Fnsi promuoverà nel capoluogo piemontese una propria iniziativa di protesta nella stessa giornata degli Stati generali”, si segnala ancora nella nota, nella quale viene invece confermata la presenza del sottosegretario Durigon “all’iniziativa su lavoro e previdenza che la Fnsi organizzerà il prossimo 12 settembre a Roma”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate

Da decreto Sostegni bis 120 milioni i fondi per l’editoria. Più soldi e certezze per sgravi pubblicità, fissato budget anche per 2023

Da decreto Sostegni bis 120 milioni i fondi per l’editoria. Più soldi e certezze per sgravi pubblicità, fissato budget anche per 2023