Calendario Pirelli: la ricerca di Giulietta negli scatti di Roversi per l’edizione 2020

In Pirelli sanno utilizzare in modo accurato la comunicazione del loro iconico calendario annuale. In vista della pubblicazione il prossimo novembre, il gruppo ha cominciato a diffondere alcune immagini dal back stage di ‘Looking for Juliet’, The Cal 2020, realizzata da Paolo Roversi.

Con attrici e cantanti di diverse culture e paesi, il progetto, spiegano da Pirelli “prende spunto dal dramma shakespiriano e dall’incontro tra amore, forza, gioventù e bellezza rappresentato dalla sua protagonista femminile”, con le protagoniste chiamate a rappresentare il ruolo di Giulietta in un casting ideale.

“Sto ancora cercando la mia Giulietta e la cercherò per tutta la mia vita. Perchè Giulietta è un sogno”, ha commentato Roversi. Tra i nove personaggi, chiamate a interpretare il ruolo di Juliet in una settimana di lavorazione tra Parigi e Verona a maggio, le attrici britanniche Claire Foy e Mia Goth, l’attrice e attivista britannica Emma Watson, le attrici statunitensi Indya Moore, Yara Shahidi e Kristen Stewart, la cantante cinese Chriss Lee, la cantante spagnola Rosalia, l’artista franco italiana Stella Roversi.

Ecco una gallery con alcuni scatti dal backstage (foto di Alessandro Scotti)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi