Smartphone: nel 2019 mercato mondiale in calo del 2,5%. Ripresa nel 2020 grazie al 5G

Il mercato mondiale degli smartphone chiuderà il 2019 con vendite in calo del 2,5% su base annua, a quota 1,52 miliardi di dispositivi. Lo prevedono gli analisti di Gartner, secondo cui nel 2020, tuttavia, si assisterà a una ripresa grazie al traino delle nuove reti 5G, che faranno salire i volumi a 1,56 miliardi.

Secondo le stime, quest’anno la contrazione più marcata delle vendite interesserà i mercati maturi e segnatamente il Giappone (-6,5%), l’Europa occidentale (-5,3%) e il Nord America (-4,4%).
Nel dettaglio, in Europa occidentale si passerà dai 147,2 milioni di smartphone commercializzati nel 2018 a 139,4 milioni nel 2019.

CC0 Creative Commons (foto: Pixabay.com)

L’anno prossimo, tuttavia, le vendite torneranno a crescere, raggiungendo i 142,9 milioni. Non così in Nord America: gli analisti, a fronte dei 174 miliardi di telefoni venduti nel 2019, ne prevedono 166,5 milioni nel 2019 e 164,8 milioni nel 2020. In Giappone, che ha chiuso l’anno scorso con 33,9 milioni unità, sono attesi 31,7 milioni nel 2019 e 31,8 milioni – in lieve crescita – nel 2020.

Altro mercato che archivierà il 2019 in calo è quello cinese, dove nel 2018 si sono venduti 423,4 milioni di smartphone. Quest’anno si prevedono 411,1 milioni di unità, ma nel 2020 la ripresa sarà forte, con 424,5 milioni di pezzi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro