Scioperi troupe: annunciati altri 5 giorni di protesta. Apa, Anica e Ape: riaprire negoziati

Ancora tensioni sul fronte delle trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro nazionale dei lavoratori dello spettacolo con le associazioni che rappresentano il mondo dei produttori del cinema e dell’audiovisivo.

Una nota di Slc Cgil e Fistel Cisl ha annunciato altre cinque giornate di sciopero per i lavoratori delle troupe del cine-audiovisivo nei set, teatri di posa, laboratori di preparazione e post-produzione, che hanno incrociato le braccia oggi, e le incroceranno poi domani, 8 agosto, ma anche lunedì 12, martedì 13 e mercoledì 14 agosto.
“Se dovesse arrivare un’apertura da parte dei produttori – spiegano i sindacati – a pronunciarsi sarà l’assemblea dei lavoratori in programma domani alle 10 a Roma, al cinema Palazzo”.

(cco pixabay)

A stretto giro la risposta di Apa, Anica e Ape, che con una nota (dopo quella del 5 agosto) hanno “rinnovano il loro invito alle Organizzazioni Sindacali di interrompere gli scioperi”.
“Soltanto l’interruzione delle iniziative in atto potrà consentire alle parti di riaprire il negoziato per entrare finalmente nel merito delle richieste sui minimi e su alcuni livelli inquadramentali in discussione”, rilevano le associazioni.

“Le associazioni maggiormente rappresentative dei produttori e i sindacati hanno finora dato prova di grande responsabilità raggiungendo molti punti di accordo su temi qualificanti quali gli orari di lavoro di riferimento, le declaratorie professionali, la rilevazione dell’orario individuale, la formazione professionale, ecc.”, continua la nota.

“Sui temi dei minimi sindacali Apa, Anica e Ape sono convinte che esistano i margini per raggiungere un punto di intesa rispetto alle richieste delle organizzazioni sindacali sulla base del principio da noi accolto di necessario innalzamento dei minimi sindacali e di loro adeguatezza rispetto ai criteri di mercato. La discussione, voce per voce, categoria per categoria, dovrà entrare realmente nel necessario livello di dettaglio per trovare un accordo e ciò potrà avvenire soltanto attorno ad un tavolo (eventualmente aggiornandone la composizione e le finalità per circoscrivere il lavoro che ci attende alla ricerca dei punti di equilibrio delle nuove tabelle sindacali nella loro applicazione completa) ed in assenza di giornate di sciopero. In questi giorni gli organi direttivi delle diverse associazioni hanno approfondito ed aggiornato le loro posizioni sulla base di un proficuo lavoro di condivisione interna che intendono rappresentare nella auspicata fase di riavvio del negoziato”.

“Il segnale di apertura appena descritto è chiaro ed inequivocabile rispetto alle richieste avanzate e contiene l’invito alla riapertura del dialogo i cui dettagli non potranno essere ulteriormente anticipati se non nelle sedi proprie ed in un clima di collaborazione professionale reciproca. Ci aspettiamo, concludono le associazioni, che questo segnale venga colto e si possa procedere ad una calendarizzazione delle riunioni per poter rispondere alla complessità della situazione con un accordo che interpreti le esigenze di tutti”.

Stando al comunicato dei sindacati, a fermarsi saranno le troupe e/o reparti di montaggio di film come ‘Hammamet’ di Gianni Amelio con Pierfrancesco Favino; ‘I Predatori’ prodotto da Fandango; ‘Noi’ di Elisa Fuksas; ‘I migliori anni’ di Gabriele Muccino; ‘E’ per il tuo bene’ di Rolando Ravello; ‘Fic&Pic7’, titolo provvisorio del nuovo film di Ficarra e Picone; ‘Favolacce’ dei fratelli D’Innocenzo; ‘Il Buco’ di Michelangelo Frammartin; ‘La mia banda suona il pop’ di Fausto Brizzi; ‘Tolo Tolo’ di e con Checco Zalone.
Tra le serie tv interessate dallo stop delle maestranze, i sindacati citano ‘Vivi e lascia vivere’ di Pappi Corsicato; ‘L’amica geniale 2’ di Saverio Costanzo; ‘Il commissario Ricciardi’ diretta da Alessandro D’Alatri, ‘Il cacciatore 2’ di Davide Marengo; ‘Nero a metà 2’ diretta da Marco Pontecorvo; ‘Romulus’; ‘Oltre la soglia’ con Gabriella Pession; “La guerra è finita’ di Michele Soavi; ‘Summertime’ ispirata a ‘Tre metri sopra il cielo’ di Federico Moccia; ‘Angela’ con Vanessa Incontrada; ‘Sei Bellissima’ per la regia di Andrea Molaioli; ‘Storia di Nilde’; ‘Il Paradiso delle signore 4’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Brunello Cucinelli dietro l’alleanza Pd-Cinquestelle? Non è proprio così…

Brunello Cucinelli dietro l’alleanza Pd-Cinquestelle? Non è proprio così…

Apple: analista, domanda di iPhone è superiore alle attese. Prenotazioni da venerdì, in vendita dal 20 settembre

Apple: analista, domanda di iPhone è superiore alle attese. Prenotazioni da venerdì, in vendita dal 20 settembre

“Banane per fermare Lukaku”, bufera su opinionista a Top Calcio 24. Ravezzani: una battuta ma la gravità resta

“Banane per fermare Lukaku”, bufera su opinionista a Top Calcio 24. Ravezzani: una battuta ma la gravità resta