Facebook tratta con alcuni editori Usa per pubblicare – pagando – i loro contenuti

Facebook sarebbe in trattativa con diversi editori per poter pubblicare i loro contenuti nel suo News Tab -sezione di notizie che il social network spera di lanciare entro la fine dell’anno -, dietro il pagamento di un compenso.

A segnalarlo il Wall Street Journal, secondo cui i contatti in corso coinvolgerebberro media come ABC News, Dow Jones, The Washington Post, e Bloomberg. Da social, continua il giornale sarebbero disposti a pagare fino a 3 milioni di dollari per avere i diritti di pubblicazione su intere storie, titoli e anteprime di articoli.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/Alejandro Bolivar)

Gli accordi dovrebbero avere una durata di tre anni, anche se non è chiaro se la cifra indicata si per contenuto, singolo editore o in totale. Agli editori dovrebbe essere data la possibilità di scegliere se caricare direttamente i contenuti nella sezione di Facebook o se inserire delle anticipazioni che poi rimandino al loro sito.

L’idea che Facebook possa pagare per avere contenuti di qualità non è certo nuova. Lo stesso Zuckerberg ne aveva parlato qualche mese fa in una chiacchierata con il ceo di Axel Springer, Mathias Doepfner, poi pubblicata sul suo profilo social.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)