Rai, Anzaldi: crollano ascolti di Tg1, Tg2 e Tg3. Convocare subito la Vigilanza

“I dati del crollo degli ascolti ad agosto, in piena crisi di governo, per Tg1 e Tg2, con il calo anche del Tg3, richiedono un’immediata sessione straordinaria della commissione di Vigilanza sull’informazione Rai, anche a seguito del preventivo richiamo straordinario dell’Agcom per il rispetto della Par Condicio“. A scriverlo su Facebook il deputato Pd e segretario della commissione di Vigilanza, Michele Anzaldi.

“Con la riapertura delle Camere per la sfiducia al Governo Conte, chiederò che anche la Vigilanza riapra e si occupi subito di quello che sta accadendo alla Rai, un’occupazione senza precedenti di Lega e M5s che sta smantellando un settore strategico per l’azienda”, ha aggiunto Anzaldi, cominciando poi a passare in rassegna i dati registrati dagli spazi informativi Rai, nelle prime settimane di agosto.

Michele Anzaldi (Foto LaPresse – Roberto Monaldo)

“Il Tg1 ha perso quasi 600mila telespettatori rispetto a un anno fa (-583mila telespettatori, -3,8% di punti di share), secondo le rivelazioni dello Studio Frasi di un esperto di Auditel come il professor Siliato, mentre il Tg2 è crollato di quasi mezzo milione (-421mila, -2,1% ovvero un quinto dello share totale perso) e il Tg3 ha perso 60mila telespettatori (-61mila, -0,2%)”. Tutti dati che, rimarca Anzaldi, “compromettono un settore fondamentale per il servizio pubblico come l’informazione, mentre la concorrenza di Tg5 (+511mila) e La7 (+60mila) cresce”.

Nel post, il deputato Pd accusa anche le reti di essere diventate “vera e propria propaganda”, puntando il dito in particolare su Rai1, “appaltata a giornalisti esterni di comprovata vicinanza a Salvini”, scrive ancora il segretario della Vigilanza, citando come esempi ‘Uno Mattina’ “con il biografo Poletti, il portavoce di Foa Ventura e l’autrice fan salviniana Bacchiddu”, la ‘Vita in diretta’ “con l’imbarazzante rubrica politica all’esterna Simona Arrigoni, testimone di nozze del deputato leghista Liuni”.

“Nel silenzio di Ordine dei Giornalisti, Usigrai, Cda, è urgente che intervenga il Parlamento a ristabilire il pluralismo”, conclude.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali