Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati

Nel 2019 continua a crescere il tempo che le persone a livello mondiale passano su internet per informarsi, a discapito di quello speso per la carta stampata. E’ il quadro che emerge della previsioni sull’uso dei media pubblicato da Zenith, secondo cui il trend si manterrà anche nei prossimi due anni.

Stando ai numeri, nell’anno in corso il tempo speso sui canali digitali raggiungerà la quota di 170 minuti giornalieri, poco meno di 3 ore. Nel 2021 supererà i 190 minuti. Ovviamente la spinta propulsiva arriverà dal tempo speso sui device connessi, che nel 2019 dovrebbe toccare le 800 ore totali.
Al contrario secondo le stime nel 2021 si ridurrà a 9 minuti il tempo speso quotidianamente a leggere quotidiani stampati, e a 4 minuti quello dedicato ai magazine. Solo 10 anni fa, i numeri erano ben diversi, con oltre 20 minuti spesi ogni giorno sui quotidiani e circa 10 sui megazine.

Ecco il grafico ripreso dal sito Statista.com che riassume l’andamento del tempo speso pro capite su giornali, magazine e canali digitali

(elaborazione Statista.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb Week dell’informazione online: nella seconda settimana di luglio sul podio ancora Repubblica, Corriere e Messaggero – TABELLA

Classifica Audiweb Week dell’informazione online: nella seconda settimana di luglio sul podio ancora Repubblica, Corriere e Messaggero – TABELLA

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Doccia gelata sugli investimenti pubblicitari. GroupM rivede al ribasso le previsioni di fine anno: -2% (prima erano +1%). Giù tv, radio e stampa

Doccia gelata sugli investimenti pubblicitari. GroupM rivede al ribasso le previsioni di fine anno: -2% (prima erano +1%). Giù tv, radio e stampa