Hong Kong, Pechino replica a Twitter e Fb: nessun ruolo del governo, chiusi account di cittadini che hanno espresso idee

Il governo cinese rimanda al mittente le accuse avanzate da Twitter e Facebook, che ieri hanno annunciato la rimozione di numerosi account, che stavano diffondendo informazioni politiche false o fuorvianti sulle proteste di Hong Kong, da loro ritenuti collegati a Pechino.Geng Shuang, portavoce del Ministero degli esteri cinese, ha dichiarato che gli account in questione appartengono a semplici cittadini che hanno espresso le loro opinioni e ha precisato che tali cittadini, una parte dei quali studenti, “hanno il diritto di esprimere il proprio punto di vista”.

Geng Shuang (Foto EPA/HOW HWEE YOUNG)

Nei giorni scorsi i due social hanno monitorato le discussioni sulle proteste nella regione. Twitter ha rimosso 936 account cinesi collegati a una “significativa attività di informazione sostenuta da uno Stato”. Facebook ha rimosso cinque account, diverse pagine e tre gruppi che contavano oltre 2.000 membri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Di Nicola (M5S): fondamentale una legge di riforma della Rai

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino,  devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Giletti: in Rai se devi spostare un tavolino, devi mandare cinque mail; La7 ha una struttura agile

Pirateria tv, Gdf: battaglia senza sosta, sequestreremo server e profitti

Pirateria tv, Gdf: battaglia senza sosta, sequestreremo server e profitti