Los Angeles 2028: gli Usa già al lavoro per l’appuntamento olimpico

Nonostante manchi quasi un decennio ai giochi olimpici di Los Angeles, muoversi per tempo è fondamentale, così come avere un approccio flessibile alle scelte. Questo è il mantra che guida Kathy Carter, ceo delle Olympic and Paralympic Properties per gli Stati Uniti, nell’organizzazione dei Giochi di Los Angeles 2028. È stata lei stessa – che prima di assumere questo ruolo è stata presidente della Soccer United Marketing, il braccio del marketing della Major Soccer League, nonché della United States Soccer Federation, – a parlarne durante un’intervista realizzata da Deloitte per il Wall Street Journal.

 

La ceo ha raccontato che il lavoro per LA 2028 è partito da zero, aggiungendo però che “al momento dei giochi avremo la dimensione di un’azienda di Fortune 500”. Carter e la sua organizzazione, una joint venture tra il Comitato per le Olimpiadi e Paralimpiadi Usa e il Comitato di organizzazione di LA 2028, sono responsabili della promozione dell’interesse dei consumatori, della protezione delle partnership aziendali e dell’evoluzione del modello di entrate per i giochi del 2028. Fondamentale per riuscire a far fruttare al meglio gli sforzi è creare la storia dei giochi e mettere in evidenza i collegamenti che vi sono tra gli ideali olimpici e la città che ospita la manifestazione. Per Carter Los Angeles 2028 sarà soprattutto un modo per unire le persone.

Il logo dei giochi Olimpici di Los Angeles

Il segreto, secondo la ceo – interessante se si pensa alle prossima scadenza dei giochi invernali in Italia – è essere rapidi nel prendere decisioni, ma anche creare percorsi per consentire agli altri di svolgere il proprio lavoro. “Il mio compito è definire dove stiamo andando, e nello stesso tempo dare a ciascun membro del team la flessibilità di determinare come ci arriviamo”, ha precisato Carter. “I giochi sono una proprietà preziosa e abbiamo la possibilità di creare un’esperienza unica per atleti, fan e partner. Questa è una grande opportunità”.

“Vogliamo far conoscere la creatività, l’ottimismo, la diversità e l’inclusione valori che appartengono a Los Angeles e che riflettono lo spirito dei giochi”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Al via il Campionato di serie A femminile post Mondiale

Al via il Campionato di serie A femminile post Mondiale

Alla Rai l’esclusiva per l’Italia della Coppa del mondo di rugby in Giappone

Alla Rai l’esclusiva per l’Italia della Coppa del mondo di rugby in Giappone

Gran Premio d’Italia a Monza, accordo F1-Aci fino al 2024

Gran Premio d’Italia a Monza, accordo F1-Aci fino al 2024