Per educare gli utenti alla privacy Facebook offre un caffè

Facebook aprirà alcuni pop-up caffè nel Regno Unito per invitare gli utenti del social a informarsi sulle norme relative all’uso e alla condivisione dei dati. Ogni cliente potrà ordinare gratuitamente qualcosa dal menu, mentre un dipendente della piattaforma lo istruirà sul tema della privacy.I pop-up caffè saranno aperti dal 28 agosto al 5 settembre, e uno di questi avrà sede al The Attendant a Great Eastern Street, a Londra.

Lo scopo è quello di invogliare i londinesi, grazie all’ausilio di una tazza di caffè fumante, a usare Facebook in maniera più consapevole. Secondo una recente ricerca infatti è emerso che il 27% degli abitanti della
capitale del Regno Unito non ha idea di come personalizzare i parametri relativi alla privacy nei propri account social. Un altro temporary bar verrà aperto a Edimburgo.

(CCo – Photo by Allie Smith on Unsplash)

L’ultima trovata di Fb è l’ennesimo tentativo di riconquistare la fiducia degli iscritti dopo i vari scandali che lo hanno travolto. Lo scorso Natale era stata aperto un bar temporaneo a Manhattan, in cui il personale di Facebook offriva cioccolata calda e opuscoli che spiegavano la posizione dell’azienda sulla privacy.

Pochi giorni fa il social ha annunciato di aver attivato – per ora solo in Irlanda, Spagna e Corea del Sud – alcune nuove funzioni per controllare i dati relativi alle attività svolte su app e siti, poi condivisi con il social, dando anche la possibilità di cancellare queste informazioni dal proprio account.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 16 gennaio </strong> Don Matteo stacca Zalone e Coppa Italia ed esorcizza i preti gay. Vespa al traino con le diete

16 gennaio Don Matteo stacca Zalone e Coppa Italia ed esorcizza i preti gay. Vespa al traino con le diete

Garante Privacy accelera sul caso app: Rousseau risponda entro 15 giorni. Casaleggio: dati utenti non usati per altre finalità

Garante Privacy accelera sul caso app: Rousseau risponda entro 15 giorni. Casaleggio: dati utenti non usati per altre finalità

Wikipedia torna online in Turchia. La Corte Costituzionale: «Il blocco violava libertà di espressione»

Wikipedia torna online in Turchia. La Corte Costituzionale: «Il blocco violava libertà di espressione»