Axel Springer: il fondo Kkr chiude l’Opa con il 42,5% del capitale. Nei prossimi mesi finalizzazione dell’accordo

Dopo l’ulteriore proroga di inizio agosto, è salita al 42,5% la quota finale che il fondo Usa KKR detiene in Axel Springer. Superata abbondantemente dunque  la soglia minima d’accettazione all’Opa, fissata al 20%, annunciata con l’accordo dello scorso giugno che ha visto l’ingresso del fondo a stelle e strisce nella compagine azionaria del gruppo tedesco, editrice tra gli altri di Bild e Die Welt, oltre che proprietaria di realtà b2b come eMarketer e Insider.

Secondo quanto comunicato dal gruppo, la chiusura dell’operazione, che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro, dovrebbe avvenire nei prossimi mesi. KKR, alla conclusione del periodo di adesione all’offerta, ha raggiunto accordi per l’acquisizione di ulteriori azioni, pari all’1,04% del capitale.

Mathias Doepfner, ceo di Axel Springer (Foto Ansa – EPA/FELIPE TRUEBA)

Come già concordato, Friede Springer, vedova del fondatore del gruppo, che detiene il 42,6% del capitale, e il presidente del consiglio di amministrazione, Mathias Döpfner, che ne ha 2,8%, non hanno aderito all’offerta. I nipoti di Springer, Ariane Melanie Springer e Axel Sven Springer hanno invece venduto venduto una parte delle loro partecipazioni. Con la restate quota continueranno a essere azionisti indipendenti.

“Il risultato dell’offerta è una base molto solida per la partnership strategica pianificata con KKR”, ha spiegato Döpfner. “Nei prossimi mesi focalizzeremo la nostra attenzione sull’attuazione della nostra strategia di crescita, che accelereremo ulteriormente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play