Twitter cambia policy pubblicitaria: stop ai contenuti sponsorizzati di media di proprietà dei governi

Twitter ha modificato la sua policy sui contenuti sponsorizzati, decidendo di non accettare più la pubblicità da parte di media controllate dallo stato. “Questa politica si applicherà ai media che sono controllate dal punto di vista finanziario o editoriale dallo stato”, ha spiegato il social con una nota lo scorso 19 agosto, specificando che permetterà comunque alle organizzazioni interessate di essere presenti con account, senza però aver accesso ai suoi prodotti pubblicitari.

I destinatari di questa norma sono stati selezionati partendo da indici e classifiche sulla libertà di stampa elaborate da associazioni come Reporters Without Borders, Freedom House o the Committee to Protect Journalists. La nuova politica non si applicherà invece ai media finanziati dai contribuenti e alle emittenti pubbliche indipendenti.

Jack Dorsey (Foto Ansa – EPA/JIM LO SCALZO)

La decisione del social, oltre a indurire le sue posizioni nei confronti della Cina – tra l’altro recentemente accusata di essere dietro agli account bloccati per la diffusione di fake news sulle proteste di Hong Kong –, non può che riaccendere il dibattito sul ruolo che i social hanno nelle situazioni di protesta in paesi con governi autoritari che controllano in modo più o meno stretto l’informazione.

Quello di Hong Kong infatti non è l’unico caso su cui i media Usa hanno riflettuto attribuendo a Twitter e Facebook responsabilità nel favorire la disinformazione. Nello specifico ‘made in Pechino’.
Via social ad esempio sono stati diffusi contenuti sponsorizzati promossi da media sotto il controllo statale. Il caso più eclatante, rilanciato anche da alcune inchieste di The Intercept e BuzzFeed News, quello dei campi di internamento nella regione dello Xinjiang, destinati ai Uighurs, minoranza musulmana presente nel paese, considerata negli anni scorsi responsabile di attentati. Una serie di post del Global Times, media di proprietà del governo, nei mesi scorsi ne presentava una realtà diversa, con persone felici, impegnate in attività, in una società stabile.

Ma se Twitter sulla questione sembra aver adottato una linea precisa, dalle parti di Menlo Park non sembrano essere così risoluti. Interpellata da BuzzFeed, Facebook ha infatti fatto sapere che continuerà ad accettare queste inserzioni, esaminando “da vicino” gli annunci segnalati per capire se violino le norme del social.

Una situazione simile, ricordiamo, si era verificata con i post sulle violenze contro i Rohingya in Myanmar: Facebook aveva riconosciuto di essere intervenuta troppo lentamente, rimuovendo account legati ai militari. Promettendo di fare meglio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni