Telegram pronta a lanciare la sua cryptovaluta prima di Facebook

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Cryptovaluta Telegram pronta in due mesi
Telegram, rivale russa di Whatsapp, è pronta a lanciare la sua cryptovaluta entro due mesi. Secondo il NYT Il progetto, sviluppato in gran segreto, può contare già da inizio 2018 su 1,7 miliardi da investitori istituzionali di primo piano, e ora ha preso la rincorsa per battere Facebook e venire alla luce prima di Libra. A quanto pare però “Gram” non sarà garantita da asset reali che ne riducano la volatilità e questo potrebbe quindi frenare la sua corsa da parte di autorità politiche e finanziarie, che già non vedono di buon occhio le valute digitali private.

Una taglia per “bucare” Libra
Intanto in casa Facebook, che deve guadagnarsi la fiducia delle autorithy mondiali per poter partire, si testa la sicurezza di Libra lanciando una “taglia” di 10mila dollari per chi riuscirà a bucare il sistema portando alla luce eventuali falle e prevenire quindi il rischio. Il rovescio della medaglia è che qualcuno possa rinunciare all’uovo oggi per una gallina domani, per sottrarre eventualmente in futuro cifre ben più cospicue.

Trasporto dati
Gli Usa sono pronti a bloccare un piano da 300 milioni finanziato da Google, Facebook e un partner cinese per posare un cavo sottomarino tra Cina e California: ci sono timori per la sicurezza.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali