I ricercatori di Google scoprono le vulnerabilità di iOS

Attraverso una serie di siti ‘malevoli’ è stato possibile per due anni hackerare gli iPhone sfruttando una serie di vulnerabilità di iOS, il sistema operativo di Apple dedicato ai dispositivi mobili. La scoperta è di un gruppo di ricercatori di Google Project Zero che hanno segnalato le vulnerabilità a Cupertino a febbraio scorso, che a sua volta ha rilasciato le correzioni sicurezza.

Cco (Photo by Andreas Haslinger on Unsplash)

“La semplice visita al sito compromesso era sufficiente affinché il server attaccasse il dispositivo e, in caso di successo, installasse un impianto di monitoraggio”, spiega Ian Beer, ricercatore di Project Zero.
In pratica, gli hacker potevano avere accesso all’iPhone, installando applicazioni dannose e anche monitorando l’attività dell’utente a sua insaputa.

Per i ricercatori di Google, queste vulnerabilità sarebbero state sfruttate anche per rubare foto e messaggi e per rintracciare la loro posizione in tempo reale.

La vulnerabilità di sicurezza è presente da iOS 10 a iOS 12, Apple ha rilasciato iOS 12.1.4 per correggere tutti i problemi riscontrati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali