C’è un’app cinese per sostituirsi agli attori (ma con limiti sulla privacy) – a cura di Reputation Manager

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Zao, la nuova app cinese che sfrutta la tecnica del deepfake
Uscita il 30 agosto sugli store di app cinesi, Zao ha avuto un successo enorme. Grazie ad alcuni sistemi di intelligenza artificiale, quest’app è in grado di sovrapporre la propria immagine a quella degli attori di serie tv e film, creando video molto realistici. Facile e rapida da usare, come già FaceApp sta però creando notevoli dibatti sull’uso disinvolto dei dati personali. Intanto WeChat è corsa ai ripari bloccando Zao sulla sua piattaforma.

Odio virale
Google ha fatto sapere di aver rimosso da Youtube, nell’ultimo trimestre, più di 100mila video di incitazione all’odio e di aver chiuso per lo stesso motivo 17mila canali.

La fine dei like?
Proseguono i test in casa Facebook per nascondere il numero di like ai post. Come già per Instagram, questo garantirà di “rimuovere la pressione su quanti like un post riceverà e permetterà agli utenti di condividere più liberamente contenuti”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Suraci (Rtl 102.5) sul dossier di riforma Testo unico media audiovisivi e radiofonici digital: Giorgetti stia attento alle trappole anti italiane

Suraci (Rtl 102.5) sul dossier di riforma Testo unico media audiovisivi e radiofonici digital: Giorgetti stia attento alle trappole anti italiane