Anche Facebook vuole nascondere il numero di ‘like’

Dopo Instagram, anche Facebook starebbe per sperimentare l’oscuramento dei ‘Mi piace’ per liberare gli utenti dalla pressione del consenso. A rivelato il sito Techcrunch, che poi ha raccolto la conferma dell’azienda, sulla base delle osservazioni della ricercatrice Jane Manchung Wong, che ha adocchiato sulla versione dell’app per Android “una funzione che permette di nascondere i like”.

Cco (Photo by NeONBRAND on Unsplash)

L’esperimento è già stato intrapreso da Instagram a luglio in sette paesi: Canada, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, Irlanda, Giappone e in Italia. Il contatore dei ‘Mi piace’ non è visibile pubblicamente ma può essere visualizzato dall’autore del post. “Vogliamo aiutare le persone a porre l’attenzione su foto e video condivisi e non su quanti like ricevono”, aveva spiegato qualche settimana fa Tara Hopkins, head of public policy Emea del social fotografico, aggiungendo che la piattaforma doveva essere “un luogo dove tutti possano sentirsi liberi di esprimersi”. E’ molto probabile che il test su Facebook, qualora dovesse diventare ufficiale, avrebbe lo stesso spirito.

Comunque il trend – un colpo per la like-economy che ha fatto emergere figure come gli influencer – sta diventando piuttosto comune tra le piattaforme social. Anche YouTube da settembre non mostrerà più il numero esatto di utenti dei canali, ma solo un numero approssimato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager