Sec completa la fusione con l’inglese Porta Plc: nasce il gruppo SecNewgate

Con la fine del processo di reverse takeover avviato dal gruppo Sec verso Porta Plc, gruppo inglese che opera commercialmente con il brand Newgate Communications nel Regno Unito, Medio ed Estremo Oriente ed Australia, nasce ufficialmente SecNewgate.

Le azioni del gruppo – che conta circa 600 professionisti, con 30 uffici di 14 Paesi in 4 continenti (Abu Dabhi, Belgio, Colombia, Francia, Germania, Grande Cina, Italia, Polonia, Singapore, Spagna e Regno Unito) –  sono state riammessa alle contrattazioni sull’AIM della Borsa di Londra.

“Sec NewGate entra a far parte dei primi 30 Gruppi di comunicazione al mondo”, ha rimarcato Fiorenzo Tagliabue, nominato ceo di Gruppo di SEC Newgate, parlando di una giornata che “segna una tappa fondamentale nella storia” della società.

Fiorenzo Tagliabue, presidente e fondatore della Sec

Il gruppo, ricorda la nota che annuncia la riammissione alle contrattazioni, propone servizi di consulenza che vanno dal public affairs e advocacy, comunicazione economico-finanziaria e corporate, innovazione digitale, ricerca, comunicazione di crisi e comunicazione di prodotto.
A partire da oggi, si precisa, la gestione di clienti sovranazionali e i prospect globali saranno gestiti dal brand SEC Newgate mentre Clienti e progetti locali continueranno ad essere seguiti dalle agenzie
nazionali che opereranno con il loro nome. Unica eccezione per SEC SpA, head quarter del
Gruppo con sede a Milano, che da oggi assume il nuovo nome SEC Newgate.

Le principali marche commerciali sono: ACH (Spagna); Cambre Associates (Belgio); Clai (Francia); Kohl PR (Germania); Martis Consulting (Polonia); Newington (UK); SEC Latam (Colombia); Newgate Communications (Abu Dhabi, Australia, Hong Khong, Shanghai, Singapore, UK); Publicasity (UK); SEC S.p.A. (Italia) e 2112 (UK).

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%