Nasce il secondo governo Conte: 10 ministeri a M5s, 9 al Pd, 1 a Leu e un tecnico per il Viminale. E la notizia fa il giro dei media europei

Il Movimento 5 Stelle, partito di maggioranza relativa, ha la fetta più grande nel Governo Conte II: oltre al Presidente del Consiglio Conte e al sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro, M5s ha dieci ministri:
Luigi Di Maio (Esteri), Alfonso Bonafede (Giustizia), Stefano Patuanelli (Mise), Sergio Costa (Ambiente), Nunzia Catalfo (Lavoro), Lorenzo Fioramonti (Istruzione), Federico D’Incà (Rapporti col Parlamento), Paola Pisano (Innovazione tecnologica), Fabiana Dadone (Pubblica amministrazione), Vincenzo Spadafora (Politiche giovanili e sport).

Giuseppe Conte (Foto ANSA/ANGELO CARCONI)

Il Pd ha 9 ministri: Lorenzo Guerini (Difesa), Roberto Gualtieri (Economia), Teresa Bellanova (Politiche agricole), Paola De Micheli (Infrastrutture), Dario Franceschini (Beni culturali), Francesco Boccia (Affari regionali), Giuseppe Provenzano (Sud), Elena Bonetti (Pari opportunità), Enzo Amendola (Affari europei).
Leu ha Roberto Speranza ministro della Salute.
Al Viminale c’è il profilo più tecnico: l’ex prefetto di Milano Luciana Lamorgese.

Intanto la notizia della nascita del nuovo esecutivo ha fatto il giro sulle home page dei principali media europei, segnalata con un ‘bulletin’ anche dalle maggiori agenzie di stampa internazionali.
In Francia, Le Monde titola: ‘Gli ex partiti nemici arrivano a formare un governo’.  Le Figaro si concentra sui nomi dei ministri e titola: ‘Gualtieri ministro dell’Economia, Di Maio nuovo capo della diplomazia’.

Le home page di Le Monde e Figaro

Anche la Frankfurter Allgemeine in Germania sceglie di titolare su Luigi Di Maio ministro degli Esteri. Titolazione analoga per El Mundo, in Spagna.

Le notizie nelle pagine interne di Faz e El Mundo

El Pais invece sottolinea: ‘Conte presenta un governo di coalizione paritario tra Pd e M5s’.

El Pais

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali