4 settembre Quasi 3 milioni di spettatori per Windstorm su Canale5; bene l’informazione politica. Sulla Rai bene le azzurre del volley

In una giornata segnata dall’interesse del pubblico televisivo per gli speciali sulla nascita del nuovo governo, è stato il film di Canale 5 Windstorm – Ritorno alle origini, in prima tv, il leader della prima serata degli ascolti con una media di 2 milioni 291mila spettatori e il 12.22% di share. Su Rai1 la riproposizione del concerto di Claudio Baglioni all’Arena di Verona ha ottenuto 1 milione 855mila spettatori e l’11.5%.

Su La7 In Onda prima serata ha raccolto 1 milione 387mila con il 6.4%. Su Rai2, la replica del primo episodio della seconda stagione di Rocco Schiavone ha interessato 1 milione 294mila telespettatori pari al 6.4%. Su Italia 1 il blockbuster Hunger Gamws Il canto della rivolta – parte I ha fatto segnare 945mila con il 4.91%. Su Rete4 E io non pago ha avuto 957mila con il 4.87%. Nel prime time di Rai3, lo speciale Tg3 sul nuovo governo è stato seguito da 848mila telespettatori pari al 4.8%.

Sempre per l’informazione, il Tg1 delle 20 si conferma leader con 4 milioni 620mila spettatori pari al 23.7%; per il Tg5 ci sono stati 3milioni 577mila pari al 18%, per il TgLa7 1 milione 340mila con il 6.8%. Bene – segnala la Rai – anche il Tg2 delle 13 con 1 milione 992mila telespettatori (14.5%) e il Tg3 delle 19 con l’11.3% e 1 milione 564mila telespettatori, saliti a 2 milioni 106mila (13.6%) con le edizioni regionali della Tgr.
Buoni ascolti anche per gli speciali informativi del Tg1 sull’attualità politica. L’edizione straordinaria delle 14.35 è stata seguita da 1 milione 531mila e l’11.4%, lo speciale I giorni del governo ha ottenuto 1 milione 386mila spettatori con il 13.9%. Bene Tg2 Post che su Rai2 ha avuto un seguito di 1 milione 179mila telespettatori con uno share del 5.3%, mentre al mattino Agorà Estate su Rai3, condotto da Monica Giandotti, ha ottenuto il 9.2% con 486mila spettatori.

Giuseppe Conte (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

La giornata politica è stata interamente seguita da Rai News24 con dirette e collegamenti. Da segnalare in particolare lo Speciale Telegram che ha realizzato un ascolto di 179mila telespettatori (2%). Su La7 TgLa7 Speciale ha ottenuto 952mila spettatori con il 7.9%.

Per lo sport Rai, da segnalare nel pomeriggio di Rai2 il quarto di finale del Campionato europeo di volley femminile: la sfida delle azzurre di Davide Mazzanti, vincenti sulla nazionale russa, ha sfiorato il milione di telespettatori (990mila) con il 7.5% di share, risultato migliore dall’inizio del torneo.

Le azzurre dopo la vittoria con la Russia

Testa a testa nella fascia di prima serata tra Rai1 (13.42%) e Canale 5 (13.19%). Nell’access prime time, bene Techetechetè su Rai1 con 3 milioni 540mila spettatori e il 15.93%: su Canale 5 Paperissima Sprint ha avuto 3 milioni 221mila pari al 14.46%. Su La7 In onda ha fatto segnare 1 milione 638mila con il 7.4%. Su Rete4 nuovo record per Stasera Italia Estate, che ha raccolto 1 milione 332mila e il 6.18% nella prima parte e 1 milione 493mila con il 6.67% nella seconda.
Rai1 vincente anche nel preserale con Reazione a catena, che ha ottenuto 3 milioni 712mila spettatori e il 23.6; in questa fascia su Rai3 la docufiction Boez-Andiamo Via, si è assestata sul 4.5% con 938mila spettatori.

Nel complesso, le reti Rai si sono aggiudicate il prime time con 7 milioni 170mila telespettatori e il 32.86% (a fronte dei 7 milioni 59mila con il 32.35%) e le 24 ore con il 33.57% (contro il 30.03% della concorrenza). A Mediaset la seconda serata con il 30.26% (Rai al 28.40%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Teatri e cinema, Franceschini: pensiamo alla riapertura  il 27 marzo e accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend

Teatri e cinema, Franceschini: pensiamo alla riapertura  il 27 marzo e accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend

Fumata nera in Lega Serie A. Sui diritti tv tutto rinviato

Fumata nera in Lega Serie A. Sui diritti tv tutto rinviato

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”