Facebook: procuratore NY avvia indagine per verificare se “ha limitato la concorrenza e messo a rischio di consumatori”

Il procuratore generale di New York apre un’indagine su Facebook per determinare se le azioni del social network abbiano messo in pericolo i dati dei consumatori, ridotto la qualità delle loro scelte o aumentato i prezzi della pubblicità . Lo annuncia il procuratore di New York, Letitia James, sottolineando che “la maggiore piattaforma social mondo deve seguire la legge”. L’indagine sarà affiancata, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, da un’inchiesta su Google guidata dal procuratore del Texas, Ken Paxton, e appoggiata da una decina di procuratori americani.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/SHAWN THEW)

All’indagine lanciata da New York su Facebook partecipano anche gli stati del Colorado, Florida, Iowa, Nebraska, North Carolina, Ohio, Tennessee e il Distretto di Columbia. L’inchiesta riguarderà la posizione dominante di Facebook nell’industria e la sua potenziale condotta anti competitiva. “Anche il maggiore social al mondo deve seguire la legge e rispettare i consumatori. Sono orgogliosa di guidare la coalizione bipartisan di procuratori generali” nel verificare se Facebook ha limitato la concorrenza e messo a rischio di consumatori, afferma il procuratore di New York Letitia James.
“Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione per determinare se le azioni di Facebook hanno messo in pericolo i dati dei consumatori, ridotto la loro qualità di scelta o aumentato i prezzi della pubblicità ” aggiunge James.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager