Conte propone un nuovo linguaggio nella politica: basta proclami inutili, da noi lessico più consono

“E’ un progetto politico di ampia portata,  anche culturale. Vogliamo volgerci alle spalle il frastuono dei
proclami inutili e delle dichiarazioni bellicose e roboanti”. Lo ha  detto il premier Giuseppe Conte in aula alla Camera.

Giuseppe Conte (foto Ansa)

“Io e tutti i miei ministri prendiamo il solenne impegno, oggi davanti a voi, a curare le parole, ad adoperare un lessico più consono e più  rispettoso delle persone, della diversità delle idee. Ci impegniamo a
essere pazienti anche nel linguaggio, misurandolo sull’esigenza della  comprensione. La lingua del governo sarà una lingua ‘mite’, perché siamo consapevoli che la forza della nostra azione non si misurerà con
l’arroganza delle nostre parole”, sottolinea.

“I cittadini ci guardano, ci ascoltano, attendono da noi una parola e un’azione all’altezza della funzione alla quale siamo chiamati. Si attendono da noi consapevolezza del ruolo e anche un supplemento di
umanità. Non possiamo deludere le loro aspettative”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Franceschini: serve legge analoga a quella per il cinema

Editoria, Franceschini: serve legge analoga a quella per il cinema

Ft, Cina abolirà computer e software di produttori esteri entro il 2022

Ft, Cina abolirà computer e software di produttori esteri entro il 2022

Al centro dei piani di Uber c’è anche l’Italia: più auto, biciclette e nuovi prodotti finanziari

Al centro dei piani di Uber c’è anche l’Italia: più auto, biciclette e nuovi prodotti finanziari