Oltre la pelle, partita a Milano la campagna di sensibilizzazione sul melanoma organizzata da Novartis

È partita questa mattina, con l’inaugurazione del padiglione milanese di via Burchiello (piazza Pagano), “Oltre la pelle”, la campagna di sensibilizzazione sui melanomi e la mutazione del gene Braf organizzata da Novartis in collaborazione con la Civica scuola di teatro “Paolo Grassi” e alcune associazioni che riuniscono persone colpite da queste patologie.


In uno spazio espositivo itinerante che sarà visitabile per tre giorni (a Milano fino a domenica 14, poi a Roma dal 20 al 22 settembre in piazza San Silvestro, e a Bari dal 4 al 6 ottobre in piazza della Libertà), sarà possibile approfondire il tema del melanoma attraverso un percorso interattivo mirato a far conoscere meglio questa complessa patologia e le modalità di prevenzione, approfondire il ruolo delle mutazioni genetiche come quella BRAF e le nuove opzioni terapeutiche. All’interno dello spazio sarà inoltre possibile sottoporsi a visite dermatologiche gratuite.
Lo screening è altamente consigliato dagli specialisti sia agli uomini che alle donne, dal momento che il melanoma è il tumore della pelle più aggressivo, e colpisce una popolazione mediamente giovane rispetto alla maggior parte delle altre neoplasie solide. Con un tasso di incidenza molto elevato (+3,4 per cento per anno nella popolazione maschile e +2 per cento per anno in quella femminile), si stima che nel 2018 i nuovi casi diagnosticati siano stati 13.700, e nello stesso anno gli italiani con storia clinica di melanoma, secondo l’ Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) erano 155 mila (73 mila uomini e 82 mila donne).
“Il melanoma è fra i tumori che la cui incidenza è cresciuta di più a partire dagli anni Sessanta”, ha detto durante la tappa milanese della campagna Giuseppe Palmieri, responsabile dell’Unità di Genetica dei tumori all’Istituto di chimica biomolecolare Icb-Cnr di Sassari: “E’ un problema sociale specie tra i giovani, se si pensa che sotto i 50 anni il melanoma è il secondo tumore per incidenza fra gli uomini e il terzo fra le donne”, ha aggiunto il professore.
“In otto casi su dieci”, ha spiegato poi la dermatologa dell’università di Modena e Reggio Emilia Francesca Farnetani, “il melanoma insorge sulla pelle sana, mentre solo nel restante 20 per cento è l’evoluzione di un neo preesistente: per cui – ha concluso – è opportuno che tutti ci sottoponiamo regolarmente a check-up dermatologici, e questo appuntamento è un’ottima opportunità per i cittadini di saperne di più”.
La campagna “Oltre la Pelle”, patrocinata dalla Fondazione Umberto Veronesi, dalla Fondazione IEO-CCM e dall’Integruppo Melanoma Italiano (IMI), sarà affiancata dalla pagina Facebook @OltreLaPelleMelanoma. Oltre a materiali inediti e interattivi sul melanoma, porterà all’interno dello spazio espositivo rappresentazioni teatrali delle storie dei pazienti realizzate dagli attori della scuola “Paolo Grassi”, e incontri tra oncologi, dermatologi e pazienti, che avranno lo scopo di facilitare uno scambio attivo di informazioni, favorire una maggiore comprensione della patologia e una migliore presa in carico del paziente rispetto al proprio percorso diagnostico terapeutico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

8° Forum WPP, si cresce con la responsabilità. Focus su social impact e sostenibilità

8° Forum WPP, si cresce con la responsabilità. Focus su social impact e sostenibilità

Identikit e futuro della donna manager a ‘Gender Diversity e Leadership ai tempi della digitalizzazione’

Identikit e futuro della donna manager a ‘Gender Diversity e Leadership ai tempi della digitalizzazione’

Nielsen rilancia New Creative Service, servizio di monitoraggio della campagne

Nielsen rilancia New Creative Service, servizio di monitoraggio della campagne