Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

La spirale di attacchi verbali e aggressioni fisiche nei confronti degli operatori dell’informazione “va fermata”. A dirlo è il sottosegretario all’editoria, Andrea Martella, in un’intervista a Repubblica in cui spiega che ogni professionista dell’informazione “è portatore di un’istanza di democrazia e di libertà, come sancito dalla Costituzione. Abbassare la guardia significa tradire questi valori”.

Andrea Martella

A Gad Lerner, insultato a Pontida, Martella rivolge la sua solidarietà per gli attacchi antisemiti e poi chiarisce che “tutti rappresentanti istituzionali che hanno a cuore le sorti della stampa, e quindi della democrazia, debbono aprire una nuova stagione, mettendo fine a quella segnata dall’odio e dagli attacchi al mondo dell’informazione”.

Le ultime dichiarazioni di Salvini, in merito a queste vicende, poi “sono frasi inaccettabili”, continua Martella. “Una cosa è il confronto politico, e il conflitto sulle idee, altra cosa è il disprezzo, l’incitare alla violenza, il venir meno alle regole elementari della convivenza”. Rispetto al suo predecessore, Vito Crimi (M5S), Martella dice di voler avviare “una nuova e diversa politica di sostegno e di attenzione all’informazione ai cambiamenti in corso con l’evoluzione degli strumenti digitali”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%