17 settembre Napoli batte Boni, Floris rivince su Berlinguer (con Salvini), Vespa boom con Renzi

Politica e calcio in primissimo piano, con la Champions League e la scissione del Pd a tenere banco. La serata televisiva del 17 settembre proponeva alcune grandi partite per gli ascolti.

Nella sfida tra le ammiraglie il calcio ha battuto la fiction di produzione. Su Canale 5  ‘Napoli-Liverpool’, con la squadra di Carlo Ancelotti vincente per due a zero su quella di Jurgen Klopp, ha ottenuto 4,5 milioni di spettatori ed il 18,6%. Lo stesso incontro su Sky ha conquistato ulteriori 958mila spettatori con il 4% di share.

Su Rai1 il ritorno di una buona fiction con Alessio Boni protagonista, ‘La strada di casa 2’, si è fermato a 3,8 milioni ed il 16,9% di share.

Buon viatico per Viale Mazzini, in seconda serata, quando è terminata la partita su Canale 5 e su Sky, è passata in testa la fiction, che ha toccato nel finale il 20% di share. Il 20% di share di picco, poco più tardi, ha conseguito anche la prima parte di ‘Porta a Porta’, con Bruno Vespa che ospitava il fondatore di Italia Viva, Matteo Renzi (1,477 milioni e 16,6% il bilancio complessivo del programma).

Senza storia, tornando alla prima serata, è stato il confronto tra le ‘seconde’ reti giovani di Rai e Mediaset, che schieravano film.

Su Italia 1 il titolo sentimentale in prima visione ‘#Scrivimiancora’ ha riscosso 1,2 milioni e il 5,22% di share. Su Rai2 il classico family ‘Una notte al museo2’, è precipitato a 660mila spettatori e il 2,9% di share, finendo molto dietro ai talk e alle soap di Rete 4 (‘Il Segreto’ a 1,3 milioni di spettatori e il 5,26% di share e ‘Una Vita’ a 1,034 milioni di spettatori e il 5,25% di share), battendo di poco la Nazionale di volley su RaiSport (per Italia-Bulgaria 600mila e 2,7%). Scoppiettante e più bilanciata di sette giorni prima è stata la partita tra i talk di La7 e Rai3, molto disturbata – ovviamente – dal calcio in onda in chiaro e a pagamento.

A ‘DiMartedì’, Giovanni Floris è partito con Marco Travaglio, Nando Pagnoncelli, Enrico Letta, Alessandro Sallusti e poi ha dispensato anche Marco Damilano, Milena Gabanelli, Giorgio Cottarelli, Matteo Richetti, Elsa Fornero, Carlo Calenda, Gene Gnocchi, Concita De Gregorio e tanti altri ospiti, arrivando a quota 1,516 milioni di spettatori e 7,33%.

A ‘#Cartabianca’, invece, Bianca Berlinguer ha risposto aprendo con Mauro Corona e Matteo Salvini, e poi ha continuato proponendo tra gli altri Manlio Di Stefano, Iva Zanicchi, Ettore Rosato, Alberto Forchielli, Ferruccio De Bortoli, Andrea Scanzi, Maurizio De Giovanni, Maurizio Belpietro, Antonio Polito. La trasmissione di Rai3 così confezionata è arrivata a 1,251 milioni di spettatori e 6,13%. L’analisi delle curve mostra come Floris sia riuscito a contenere l’accoppiata Corona/Salvini e rimanere davanti alla trasmissione rivale puntando prima su Travaglio e poi su Letta.

La7 ha vinto meno nettamente del solito anche la sfida di genere anche in access.

A ‘Otto e Mezzo’ Lilli Gruber ha schierato Mario Calabresi, Pierluigi Bersani e Corrado Formigli, portando a casa 1,637 milioni di spettatori e il 6,66%.

Su Rete 4 Barbara Palombelli a ‘Stasera Italia’ ha convocato con Lamberto Dini, Gianluigi Paragone, Augusto Minzolini, Gianfranco Pasquino, riscuotendo 1,436 milioni di spettatori e il 5,71% di share nella prima parte e poi 1,3 milioni e il 5,26%.

Su Rai2 Maria Antonietta Spadorcia a ‘Tg2 Post’ ha potuto affidarsi ‘solo’ a Giorgio Mulè, Luciano Nobili e Francesco Borgonovo, ottenendo solo 874mila spettatori e il 3,5%.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Verizon a caccia di acquirenti per HuffPost

Verizon a caccia di acquirenti per HuffPost

Fb: nuove misure contro le interferenze nelle elezioni. Il social etichetterà post di media a controllo statale e contenuti falsi

Fb: nuove misure contro le interferenze nelle elezioni. Il social etichetterà post di media a controllo statale e contenuti falsi

Matilde Bernabei di Lux Vide nominata Cavaliere del lavoro.  Prima donna del settore audiovisivo

Matilde Bernabei di Lux Vide nominata Cavaliere del lavoro. Prima donna del settore audiovisivo