Classifica dell’informazione online, luglio (Audiweb): i quotidiani locali crescono più di quelli nazionali – TABELLA

Malgrado il periodo vacanziero, luglio non è stato un mese negativo per l’informazione online. Secondo le rilevazioni di Audiweb, 31 brand sui 60 della nostra classifica vedono crescere la propria audience organica nel giorno medio; due sono stazionari; 27 sono in calo.

Contrastante l’andamento dei quotidiani: in leggera flessione la Repubblica (-2,2%), il Corriere della Sera (-1,8%), Libero (-3,3%) e Il Giornale (-0,7%); più accentuate le perdite della Stampa (-9,7%) e del Sole 24 Ore (-19,2%); in crescita invece Il Fatto Quotidiano (+5,6%). Anche all’interno di uno stesso gruppo editoriale si possono osservare differenze notevoli: tra le testate di Caltagirone Editore, Il Messaggero perde il 9,3%, Leggo guadagna il 2,8%, Il Mattino il 10,3%, Il Gazzettino l’11,8% e il Corriere Adriatico il 18,4%.

I quotidiani locali in genere sono andati meglio di quelli nazionali. Quelli del gruppo Gedi/Espresso sono cresciuti del 6,7%; Il Centro, che faceva parte dello stesso gruppo fino a due anni fa ma poi è stato ceduto, è cresciuto del 33,6%. La crescita maggiore l’ha registrata l’UnioneSarda (+45,4%), ma questo exploit è dipeso sostanzialmente da un fatto tecnico: l’inserimento dei tag nella pagine Amp di Google e negli Instant article di Facebook, in precedenza non rilevati da Audiweb. La stessa operazione l’ha condotta anche il Giornale di Sicilia, che guadagna il 21,6%.

Tra le agenzie di informazione, perde qualche punto l’Ansa (-5,4%), mentre cresce notevolmente l’Adnkronos (+39%); l’Agi non è più rilevata da Audiweb.

Contrastante anche l’andamento dei giornali nativi digital: da un lato l’Huffington Post perde il 7,5% e Business Insider Italia il 20,3%; dall’altro lato Fanpage guadagna il 3,9%, Blitz Quotidiano il 14,7% e Affaritaliani addirittura il 27,6%. Notevole anche l’exploit di Caffeina Magazine (+32,6%), magazine online nato come espressione dell’omonimo festival letterario di Viterbo, ma trasformatosi poi in un sito di gossip e cronaca nera, incline a pubblicare informazioni fuorvianti e titoli ingannevoli, come afferma NewsGuard, che gli attribuisce un bollino rosso, segno che non sono solo la qualità e l’accuratezza dell’informazione a pagare su Internet, quanto meno in termini di audience.

Per segnalare novità e altre informazioni utili per la corretta interpretazione dei dati, scrivere a cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

La pubblicità digitale cresce in doppia cifra ad agosto (+12,1%). Fcp Assointernet: volano gli investimenti su smart tv

La pubblicità digitale cresce in doppia cifra ad agosto (+12,1%). Fcp Assointernet: volano gli investimenti su smart tv