Fondi sottratti a Rcs Sport: condannata ex impiegata, assolti altri imputati

Laura Bertinotti, ex impiegata amministrativa di Rcs Sport, è stata condannata a 8 anni e 6 mesi di reclusione al termine del processo di primo grado sulla società del gruppo del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport nota per organizzare il Giro d’Italia e altre manifestazioni sportive. I giudici della quarte sezione penale del Tribunale di Milano hanno assolto, invece, Enrico Busto, Michele Napoli, Michele Acquarone,

Michele Acquarone, foto Olycom)

Giacomo Catano, Lorenzo Eugenio, Maria De Salvo e Enrico Mazzei. Le indagini della Guardia di finanza, coordinate dal pm di Milano Adriano Scudieri, erano partite nel settembre 2013 da una denuncia presentata da Rcs e si erano concluse nel 2015.

Giacomo Catano

Secondo le accuse, gli indagati dal 2008 al 2013 si sarebbero appropriati di circa 15 milioni di euro. Le accuse erano a vario titolo di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso il scrittura privata, peculato, ricettazione e reati fiscali. Il denaro, versato da Rcs Sport a una decina di associazioni e comitati legati alla società per organizzare eventi sportivi sponsorizzati, come le celebrazioni del centenario del Giro d’Italia, la Milano Marathon e altre iniziative legate al mondo del basket, del golf e del ciclismo, secondo le ipotesi investigative era scomparso dalle casse della società.

 

Nell’ambito dell’inchiesta erano stati indagati gli allora rappresentanti legali di associazioni come il Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario del Giro d’Italia, il Gazzetta Runners Club e il Consorzio Milano Marathon, che in alcuni casi erano anche dipendenti di Rcs Sport, società del gruppo Rcs che si occupa della promozione di eventi sportivi come il Giro d’Italia. (Lapresse)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti