Christian Rocca è il nuovo direttore de Linkiesta.it

All’inizio di agosto avevamo dato notizia dell’uscita, dopo 5 anni di direzione, di  Francesco Cancellato da Linkiesta.it (per passare a Fanpage, dove dall’inizio del prossimo settembre assumerà il ruolo di vicedirettore e caporedattore dell’intera testata).

Oggi la direzione del quotidiano online è stata assegnata a Christian Rocca .

Cinquantuno anni, editorialista della Stampa, autore di numerosi saggi di politica internazionale, già direttore del magazine del Sole 24 Ore e inviato speciale del quotidiano di Confindustria e in precedenza del Foglio, di cui è stato a lungo corrispondente dagli Stati Uniti, Christian Rocca coordinerà le attività giornalistiche e sarà impegnato a consolidare la comunità dei lettori a cominciare dal Festival GenerAZIONE che si terrà l’8 e il 9 novembre prossimi al Teatro Franco Parenti di Milano.

«Linkiesta offrirà ai lettori un’informazione seria e di qualità sui temi dell’attualità politica, economica, sociale e culturale – ha detto Rocca accettando l’incarico – con approfondimenti, opinioni e una rinnovata squadra di editorialisti che proverà a divertire e a divertirsi facendo circolare idee e raccontando il tempo presente».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello della Figc al governo: “Sostenete il sistema calcio, è fondamentale”. E invia un’analisi con potenzialità e criticità

Appello della Figc al governo: “Sostenete il sistema calcio, è fondamentale”. E invia un’analisi con potenzialità e criticità

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane